1.1.4.6.3 Dahrendorf 03
New Labour and Old Liberty: Four Comments on the Third Way
Ralf Dahrendorf
Neue Zürcher Zeitung
Sunday, 21 November 1999
Europe's traditional political parties are undergoing a fundamental change, just as they did between 1900 and 1925. This transformation has given certain political leaders the confidence to circumvent the normal representative bodies. In creating their "third Way", Prime Minister Blair and Federal Chancellor Schröder have relied more on focus groups than on parliamentary debate. Moving deliberately from irony, to praise to severe criticism, Lord Dahrendorf uses the following essay to examine these developments and ponder the almost total absence of the concept of liberty from the current discussion.
It is pleasing to note that a debate has begun in many countries which takes us "beyond left and right". Its theme is described in various ways though the most current designation is, the "third way". Most protagonists have a close relationship to what in Britain is called, New Labour, or sometimes, the "Blair project". In fact the "third way" debate has become the only game in town, the only hint at new directions in a rather confused multitude of trends and ideas. My comments, while critical, are therefore based on a sense of appreciation for those who have introduced the game, and notably its chief theorist, Anthony Giddens.
I want to make four comments.
1. The recent paper signed by Tony Blair and Gerhard Schröder and entitled "Europe: The Third Way - Die neue Mitte" begins with a bold statement: "Social democrats are in government in almost all the countries of the Union. Social democracy has found new acceptance - but only because, while retaining its traditional values, it has begun in a credible way to renew its ideas and modernise its programmes. It has also found new acceptance because it stands not only for social justice but also for economic dynamism and the unleashing of creativity and innovation."
It was perhaps unfortunate that this document was published a week before the recent European elections of 10/13 June. Not only is it said to have created a certain amount of confusion above all among German Social Democrats but the European elections, whatever their shortcomings and limitations, allow us to check the statement of fact that "social democracy has found new acceptance". The result of this check is telling. In six of the fifteen Union countries, Social Democratic Parties had 20% or less of the vote (Belgium, Denmark, Finland, Ireland, Italy, the Netherlands), in two others (France, Luxemburg) 22% oder 23%. In five further countries the vote for Social Democratic Parties was between 26% and 33% (Germany, Greece, Britain, Austria and Sweden). In Spain 35% voted for the democratic Socialists, and in Portugal 43%. In only four of these countries were Social Democrats relatively the strongest party, and this includes France where the fragmentation of the Right meant that Jospin's Socialists (in themselves hardly unified) were strongest with 22%.
It would be tempting to examine the real strength of Social Democrats in European governments (where changes are imminent in Belgium and Luxemburg in any case). The more important point is however that in many European countries these parties had twice the present proportion of the popular vote twenty years ago. Social Democrats are distinctly minority parties in most European countries. Even in Britain Blair's deceptively large parliamentary majority is based on 43% of the popular vote.
In terms of electoral analysis the real trend - which is underlined by the European elections - is one towards non- traditional parties, many of which did not exist twenty years ago. In most European countries their vote adds up to more than the Social Democratic vote. In truth, voters are confused and uncertain, pulled hither and yon. It is hard to discern any trend towards a new crystallisation of electoral views.
2. It is of course nevertheless conceivable that the set of ideas promoted by Messrs. Blair and Schröder finds widespread support. (It may find as much support outside as inside Socialist parties. Mr. Blair seems to get on at least as well with Spain's conservative Prime Minister Aznar as with his French Socialist colleague Jospin.) Without wishing to claim first authorship let alone originality, some of the "third way" ideas are not at all dissimilar from the thrust of the Report of a Committee which I chaired in 1995-96, entitled Wealth Creation and Social Cohesion in a Free Society. The key issue with which all countries are confronted today is the answer to the question: how can we create sustainable conditions of economic improvement in global markets while not sacrificing the basic solidarity or cohesion of our societies or the institutions of the constitution of liberty?
The terminology used in attempts to give this answer is by now familiar. We need market economies with competitive strength, and this can only be brought about by loosening constraints and liberating the supply side of economies. We need also societies which include all citizens rather than defining an underclass out. Useful as individual competition is in the economy, it has to be tempered by solidarity in social relations. The Blair- Schröder paper uses a phrase which I find misleading when it says: "We support a market economy, not a market society" - or is this more than a slip of the pen? Do they want a command society? If so, they would take a step in the Singapore direction and reduce if not endanger the third element of a programme of squaring the circle, that of doing it all "in a free society".
Anthony Giddens places the task of achieving the combination of wealth creation and social cohesion in the context of the great changes which have come about by globalisation, the "new dialogue" with science and technology, and the transformation of values and lifestyles. He then identifies six policy areas of the "third way": (1) a new politics or "second wave of democratisation" by going directly to the people; (2) a new relationship of state, market and civil society which "joins them up"; (3) supply-side policies through social investment notably in education and infrastructure projects; (4) the fundamental reform of the welfare state through creating a new balance of risk and security; (5) a new relationship to the environment by "ecological modernisation"; (6) a strong commitment to trans-national initiatives in a world of "fuzzy sovereignty".
There is much to be said about each of these, and in various books and papers on the subject a great deal has been said. The project has been described as a combination of neoliberal economic and social-democratic social policy. That is probably not entirely fair. In some ways the key feature of this approach is one which is implicit rather than explicit; it is its optimism. I have described it as "globalisation plus", that is, accepting the needs of global markets but adding key elements of social well-being. There are other ways of describing the underlying approach, for instance by reference to the use of the word "risk". Ulrich Beck, another protagonist of the "third way" has shown that risk is opportunity as well as threat to security, an invitation to entrepreneurship and initiative as well as a warning of uncertainties. The same could be argued for another favourite word of this approach, flexibilty.
Perhaps this is where the "third way" actually divides social democrats. Old Labour sees risk as threat and flexiblity as insecurity, and tries to hold on to the old certainties. New Labour on the contrary emphasises the new opportunities of individual initiative and the way in which people can enhance their well-being by coping with new challenges. Here it becomes evident why the reform of the welfare state is the key policy area in dispute. It also emerges that New Labour may exist in Britain and Holland but not in many other countries where it is more the parties of the old right which tend towards the neue Mitte. The alliance between Blair and Aznar is not so surprising after all.
3. The positive, future-oriented sense of opportunity makes the "third way" approach attractive for those who do not feel threatened, including the new "global class" of those who can hope to benefit from changed forces of production. Perhaps it also shows that the "third way" is not likely to inspire a mass movement even if it is in some cases useful for winning elections. There is something slightly contrived, almost elitist about the concept which attracts wider attention only if it is coupled with almost evangelist methods of communication. "Spin doctors" are in that sense essential for the "third way" as is the strangely religious style of Tony Blair and the presentational brilliance characteristic of Anthony Giddens and Ulrich Beck. They all manage to deflect criticism as on an oilskin which is made of a curious mixture of diffidence and dogmatism. Sceptical questions are as often answered by reference to what might or even should be as by pointing to real conditions.
For the inveterate Popperian this can be quite disconcerting. Doubts begin with the term itself, "third way". Its use shows a curious absence of historical awareness among its protagonists which characterises the Clinton-Blair type of leadership in any case. The term also shows an unfortunate need to have a unified or at any rate uniquely labelled ideology. For many of us, by contrast, the great liberation of the revolution of 1989 means that the time of systems is past. There no longer is even a First, Second and Third World, but only varieties of attempts to cope with economic, social and political needs, and admittedly also varieties of success so far. The "third way" presupposes a more Hegelian view of the world. It forces its adherents to define themselves in relation to others rather than by their own peculiar combination of ideas; and often the others have to be invented, even caricatured for the purpose.
The point about an open world is that there are not just two or three ways. There are (as I have put it elsewhere) 101, which is another way of saying, an indefinite number. For purposes of practical politics, this is important. The question may be the same everywhere since it is put by largely global conditions: how can we achieve wealth creation and social cohesion in free societies? The answers, however, are many. There are many capitalisms, not just that of Chicago; there are many democracies, not just that of Westminster. Diversity is not an optional extra of high culture; it is at the very heart of a world which has abandoned the need for closed, encompassing systems. In fact - it could be said - even politics in the name of the "third way" is quite varied. Nobody will expect Chancellor Schröder to turn Germany into another Britain. After all reforms, the "Rhenish" model will remain quite different from the "Anglo- Saxon" model, and neither will necessarily be a model for others at all. In any case, not just cynics have observed that the best definition of the "third way" may well be that it is what Mr. Blair actually does. If he is for a directly elected Mayor of London, or against teenage pregnancies, or for the privatisation of railways, this must be the "third way". Still the niggling doubt remains why Blair and his friends need to put it all in one basket. Are the unlimited opportunities of the post-1989 world too difficult to live with? Do the "third way" leaders crave a certainty, at least in their minds, which they deny their peoples in their lives? Is everybody supposed to take risks except those at the top?
4. Such questions lead to the fourth and most serious comment on the present political debate. I have read most of the publications around the idea of a "third way" and been increasingly struck by the fact that one word appears almost never - and never in a central place - in all these speeches and pamphlets and books, the word, liberty. There is much about fraternity which indeed is one of the central themes of the "third way". Equality is dispensed with as a goal and replaced by social inclusion and more recently, by justice. (On both points, I have much sympathy with the discourse.) But liberty? No doubt, "third way" protagonists would say that it is assumed and implied throughout. Consequently it makes a brief appearance in the list of "timeless" values in the Introduction to the Blair-Schröder paper: "fairness and social justice, liberty and equality of opportunity, solidarity and responsibility to others". But among timely values, liberty has no place.
This is no accident. The "third way" is not about either open societies or liberty. There is indeed a curious authoritarian streak in it, and not just in practice. When Giddens speaks of a "second wave of democratisation" he in fact has the deconstruction of traditional democratic institutions in mind. Parliaments are outmoded; referenda and focus groups should take their place. "Third way" reforms of the welfare state not only involve compulsory savings but above all the strict insistence on everyone, including the disabled and single mothers, working. Where normal employment - let alone desired employment - is not available, people have to be made to work by the withdrawal of benefits. The Blair-Schröder document contains among others the following curious statement: "The state should not row but steer." It should not provide the wherewithal, but determine the direction, in other words. It will no longer pay for things but tell people what to do. Certainly the British experience provides worrying illustrations of what this might mean.
The issue is of major importance at a time at which there are too many authoritarian temptations in any case. The internationalisation of decisions and activities generally means almost invariably a loss of democracy. Nato Council decisions about war and peace, IMF decisions about Russia, even legislation by the EU Council of Ministers are not subject to democratic controls; much less is this the case for the "private" arena of worldwide financial transactions. At the other end, decentralisation rarely means a gain in democracy and liberty. Especially at the sub-national level it is more often the empowerment of more or less militant activists than of the people; it means yielding to the new nationalism of self- aggrandising leaders. And at the national level itself, problems and solutions alike militate against the liberal order. Among the problems, law and order stand out; among the solutions, the proliferance of agencies and quangos which evade civil control. The Singapore syndrome is in fact not very far from widespread trends, even preferences: let those up there deal and leave us in peace! Thus the political class becomes a kind of nomenklatura which remains unchallenged because of the apathy of many, and when those who do not fit are silenced, nobody raises his or her voice.
I am not suggesting that this is what practitioners of the "third way" are doing, and much less that it is what its theorists advocate. But I wonder whether the curious silence about the fundamental value of a decent life, liberty - old, very old liberty if you wish - will not involuntarily make this political episode one furhter element in a dangerous development. When, in setting up the Commission on Wealth Creation and Social Cohesion, I insisted on adding the words "in a free society", I thought of Beveridge (Full Employment in a Free Society) but also of the Singapore syndrome. Today it seems more important than even a few years ago to begin a new political project with the insistence on liberty before we turn to social inclusion and cohesion.

FORUM LATERZA
Comunitari o liberal
Dopo i risultati delle ultime elezioni europee e il dibattito che ne è conseguito, abbiamo deciso di anticipare in rete l'uscita del volume di Marcello Veneziani Comunitari o liberal. La prossima alternativa? Il pamphlet, che è in libreria dalla fine di settembre, propone una nuova chiave di lettura delle contrapposizioni politiche che – come scrive l'autore – fanno vivere la democrazia. Sul tema apriamo un Forum, moderato dalla nostra Redazione, con l'intervento di Ralf Dahrendorf che risponde a una lettera dell'autore.
Londra, 12 luglio 1999
Caro Veneziani,
La ringrazio della Sua lettera, che ho letto con grandissimo interesse. Soprattutto, La ammiro per il coraggio con cui penetra nel groviglio dei fatti confusi e disorientanti e riesce a individuarvi un modello. Non credo di poter vantare un simile coraggio. A mio avviso, è pressoché impossibile prevedere le divisioni politiche dei prossimi decenni, o anche le fratture sociali che le determineranno. Chi, negli anni Novanta del secolo scorso, previde che i partiti liberali sarebbero quasi spariti nel giro di trent'anni? Chi preannunciò la comparsa delle due grandi minacce totalitarie? Chi intuì in anticipo che un secolo liberale, il XIX, sarebbe stato seguito da un secolo socialdemocratico, il XX?
E tuttavia condivido il punto fondamentale da Lei così bene espresso nella Sua lettera, là dove parla della
necessità di sostituire gradualmente il vecchio e inservibile bipolarismo, senza rinunciare alla necessità di una democrazia dell'alternanza, civilmente conflittuale, tra posizioni antagoniste. Ovvero la necessità di uscire dalle categorie morenti ma senza cadere nella terra di nessuno, nella tabula rasa dominata dai centrismi opportunistici e del pensiero uniforme.
Mi sia consentito proporre alcune osservazioni e riflessioni su questo punto fondamentale prima di segnalare gli elementi di disaccordo con la Sua prospettiva del conflitto fra liberal e comunitari.
1. Sono d'accordo con Lei che le elezioni europee del giugno 1999 ci dicono di più sulle confusioni dell'elettorato che sui suoi conflitti. In altri termini, la bassa partecipazione al voto è uno dei tratti più importanti di queste elezioni. Un'interpretazione in chiave positiva di questa bassa partecipazione sarebbe di dire che gli elettori prendono sul serio la democrazia e si rendono conto che l'Europa, l'Unione Europea, in realtà non è democratica. Agli elettori viene chiesto di fare una cosa che ad essi non piace: fornire una parvenza di legittimità a istituzioni che di fatto non sono responsabili in senso democratico. Questo non piace, e quindi gli elettori se ne stanno a casa. L'interrogativo più serio sollevato da un'interpretazione del genere è in che modo la democrazia può operare al di là dello Stato-nazione. Dobbiamo ripensare l'applicazione del principio democratico riguardo alle decisioni europee e internazionali? Che cosa significa responsabilità nell'Unione Europea, ma anche in riferimento al Consiglio della Nato, alla Banca Mondiale ecc.? Questo potrebbe essere un tema chiave per il prossimo decennio.
2. Ciò detto, una conclusione si può comunque trarre dalle elezioni europee. Lei stesso vi accenna quando parla di «bipolarismo inservibile». Io farei un passo avanti. Dato che le elezioni europee non importano realmente, quelli che sono andati a votare hanno sfruttato l'occasione per riversare il loro voto su partiti nuovi, su partiti marginali, su partiti strani. Di qui il successo di Emma Bonino in Italia, ma anche dell'UK Independence Party in Gran Bretagna, dei vari raggruppamenti della vecchia destra in Francia, come pure dell'estrema sinistra in diversi paesi. Una conclusione (che Lei esplicita nella Sua lettera) si impone con evidenza: non esiste più un sistema bipartitico basato su profonde spaccature sociali. Non esistono più nemmeno due «campi». Siamo di fronte o a una dissoluzione o a una transizione, ma in ogni caso a una diversità senza struttura.
3. Questo, naturalmente, è un discorso importante per la neue Mitte, ovvero la «terza via». A Lei non piace il centrismo indistinto, e posso capire i motivi che sono alla base di tale atteggiamento. È chiaro che Lei crede nella classica democrazia rappresentativa sul modello di Westminster. Io pure amo questo modello, ma mi rendo anche conto che esso si è realizzato solo in pochi paesi, e in nessuno è durato molto. Anche per quel che riguarda la Gran Bretagna, il periodo che va dal 1945 alla metà degli anni Settanta è l'unico in cui si sia avuto un vero sistema a due partiti. Altrove e in altri tempi, ha dominato a lungo una corsa al centro, un tentativo di costruire maggioranze intorno a una posizione di centro (o coalizione). La cosiddetta «terza via», una specie di rifondazione socialdemocratica, non è che l'ultima versione di questa tendenza di lungo periodo. Tony Blair e in qualche misura Gerhard Schröder sono riusciti a far passare questa concezione all'elettorato. Ma le elezioni europee dimostrano che essa non ha radici molto profonde. Si tratta probabilmente di una fioritura momentanea piuttosto che di un preannuncio di sviluppi futuri.
4. Che cosa possiamo dire allora a proposito delle tendenze politiche nel mondo sviluppato? In gran parte, le conclusioni che si possono formulare toccano non tanto i partiti quanto le politiche. Con una generalizzazione molto approssimativa, potrei dire che nella metà degli anni Settanta molti paesi sviluppati avevano raggiunto un punto di grande rigidità. Mancur Olson in realtà era convinto che fossero ormai condannati. Un circuito di alta tassazione, di elevata spesa pubblica statale, di scarsa iniziativa imprenditoriale, di generosa ma insostenibile sicurezza sociale portarono alla stagflazione sul piano economico e al corporativismo sul piano politico. Poi - misteriosamente, in un certo qual modo - arrivò la «rivoluzione» Reagan-Thatcher. Che non dappertutto raggiunse punte estreme come negli Stati Uniti e in Gran Bretagna; senza troppo rumore, Craxi in Italia, Lambsdorff in Germania, «Mitterrand deux» in Francia e altri altrove riuscirono a spezzare le strutture rigide e a dar vita a un certo entusiasmo sul versante dell'offerta. In congiunzione con gli sviluppi tecnologici, e con la rivoluzione del 1989 che ha segnato la fine non soltanto del comunismo ma anche del socialismo, questo ha prodotto quel processo che viene spesso indicato col termine «globalizzazione». Ma a distanza di un decennio e mezzo, sul finire degli anni Novanta, il pendolo ha cominciato a tornare indietro. La vecchia fede nell'uguaglianza è morta, e la nuova libertà è bella - ma che dire della fraternità? (Forse è questo che Lei intende con la contrapposizione fra opzione comunitaria e opzione liberal.) Il nuovo stato d'animo di fondo - quello che io chiamo «oltre della globalizzazione», ha guadagnato terreno. In altre parole, alla pronta disponibilità ad affrontare le nuove sfide si è accompagnato il desiderio di ammorbidirle con una nuova insistenza sull'inclusione sociale e la solidarietà.
5. Che cosa significa questo in relazione ai partiti? Significa confusione, è la semplice risposta. (Mi accorgo di aver usato già più volte questa parola.) In alcuni paesi, i socialdemocratici riformati hanno raccolto la sfida; è il caso del «new Labour», ma è anche il caso di leader come Gerhard Schröder e Walter Veltroni. In altri paesi, ex conservatori hanno cominciato a tendere verso il «nuovo centro»; ne è esempio il primo ministro Aznar in Spagna. In Austria, come al solito, una «grande coalizione» cerca di realizzare questo obiettivo. Lo stesso vale per l'Olanda. Per tutti, le parole d'ordine sono flessibilità, inclusione, fiducia.
Guardando questo quadro - e riflettendo sulla sua analisi -, mi ritrovo più domande che risposte. Vorrei soffermarmi solo su due di queste domande (anche se ce ne sono molte altre). La prima è la seguente: possiamo individuare qualche avvisaglia di una nuova spaccatura capace di portare a un nuovo «bipartitismo»? Io penso di no. Il punto essenziale a proposito dell'umore attuale è che i leader di successo combinano quello che lei chiama liberalismo con quello che lei chiama comunitarismo. È proprio qui la forza della «terza via», nel fatto che i suoi proponenti accettano le regole vincolanti del mercato globale continuando tuttavia a insistere sulla necessità di farvi entrare tutti e di promuovere la coesione sociale. Ritengo sia davvero molto improbabile che questi due elementi si stacchino fra loro e determinino un nuovo conflitto, con i liberal da una parte e i comunitari dall'altra.
Quando penso a nuove spaccature con possibili conseguenze politiche, sono molto più colpito dalla baldanza e dal successo della «classe globale» di coloro che beneficiano del «rischio società» (e dei loro molti scagnozzi). Essi hanno lasciato indietro un'altra categoria - una classe? - di quelli che non riescono a partecipare ai vantaggi della nuova economia. Molti di questi ultimi si trovano nel vecchio settore pubblico, com'è il caso degli insegnanti, degli impiegati postali e degli infermieri. Tutti questi desidererebbero recuperare, se non il loro vecchio status, almeno la loro antica sicurezza, mentre la classe globale esalta le virtù del rischio e della flessibilità. Questa differenza potrebbe essere senz'altro alla base di alcuni degli attuali conflitti politici, e potrebbe essere una delle ragioni della sorprendente forza di una «sinistra» degli interessi garantiti che non è fornita dai proponenti della «terza via».
La seconda domanda che mi pongo è legata alla prima, e tocca il cuore della Sua analisi. Non sarà il caso di ripensare la stessa democrazia? La vecchia nozione dei conflitti bipartisan è forse diventata inapplicabile? Non sarà il caso che, anziché andare a caccia di nuove spaccature simili alle vecchie, cerchiamo di individuare nuove espressioni di conflitto? Dobbiamo prendere in considerazione addirittura nuovi tipi di istituzioni, governate dal principio democratico del cambiamento pacifico con coinvolgimento popolare?
Come Lei sa dalle mie recenti pubblicazioni, uno dei principali punti al centro della mia attenzione in questi giorni è il fatto che il «nuovo centro» ha voglia di autoritarismo. Esso ama pensare a se stesso come a un governo permanente, e di conseguenza non si dispiace molto dell'apatia diffusa. Non si preoccupa più di tanto del tradizionale governo rappresentativo, dello scontro dei partiti e del dibattito parlamentare, ma preferisce rivolgersi direttamente «al popolo», preferibilmente con dei referendum nonché con «gruppi d'opinione» o cittadini rappresentativi in termini di tecniche demoscopiche. Una simile individualizzazione della società civile indebolisce i controlli democratici e a poco a poco erode lo stesso principio democratico; ma la gente sembra gradire questa situazione, o comunque accettarla.
Per le menti liberali, la prossima battaglia sarà l'affermazione del principio della democrazia contro tendenze del genere. È facile immaginare che questo non lo si potrà fare ricreando la politica stile Westminster. Probabilmente, un sistema presidenziale è più appropriato in assenza di partiti politici su base sociale. Ma se un sistema del genere verrà adottato, dovrà essere sul modello americano, non francese. In altre parole, l'altra metà del sistema presidenziale dev'essere un forte Congresso, un parlamento capace di esprimere la confusa e disorientante varietà delle opinioni della popolazione, ma capace anche di agire efficacemente sulla legislazione e nel controllo dell'esecutivo. Evviva l'apparentemente infinita adattabilità della Costituzione americana!
Caro Veneziani, spero che Lei vorrà prendere queste considerazioni come l'inizio e non la fine di un dibattito cui Lei ha dato il via con la sua Sua importante e densa lettera. Resto in attesa della Sua risposta, e naturalmente della risposta di altri che, grazie ai prodigi della tecnologia moderna - e del nostro editore, Laterza - potranno prendere parte a questo dibattito.
Cordiali saluti
Ralf Dahrendorf
(traduzione di Michele Sampaolo)

La sconfitta della vecchia democrazia
Nel mondo senza Nazioni
la vecchia democrazia perderà
di RALF DAHRENDORF
da La Repubblica del 26/01/00
SEMBRO' un bel momento quando la democrazia e l'economia di mercato avevano finalmente vinto la grande sfida. Alcune menti entusiaste affermarono persino che era giunta la fine della storia. Il futuro era semplicemente un momento da mettere in scena, godendosi i risultati della vittoria. Ma ahimè! tale entusiasmo è di breve durata. Dieci anni dopo la rivoluzione del 1989 nessuno parlerebbe di fine della storia, e pochi pretenderebbero che la democrazia e l'economia di mercato siano ora indiscusse. Certamente, per quanto concerne la democrazia, la verità sembra il contrario e la domanda da porsi è: la democrazia si è conquistata un qualche futuro?
Cerchiamo di usare parole chiare. Il principio fondamentale della democrazia è la possibilità di allontanare i personaggi al potere senza violenza, quando gli umori e le preferenze del popolo mutano. Esistono molti modi per fare questo, ma quello più classico è costituito dal governo rappresentativo, vale a dire rendere il governo responsabile dei parlamenti eletti.
Questo è anche il metodo più sfruttato all'inizio del XXI secolo. In realtà, non c' è molto da aggiungere sul fatto che la democrazia parlamentare, come noi la conosciamo, abbia fatto il suo tempo.
È una convinzione diffusa e ci sono molti motivi a riprova. Uno è il ritorno dei fondamentalismi di ogni tipo, particolarmente di quelli di omogeneità etnica. La democrazia, fra le altre cose, è stato un modo per consentire a popolazioni di differenti religioni e razze di vivere insieme come cittadini.
MA oggi appare chiaro che i demagoghi ritengono la democrazia un mezzo fin troppo facile per strumentalizzare opposizioni spesso violente a tali diversità. Un altro orientamento è il ritorno a un governo autoritario, in pratica, se non in teoria. Questo deriva dalla complessità degli argomenti, ma anche con una strana combinazione di appelli populisti da parte dei leader e di apatia da parte della popolazione.
A questo proposito voglio attirare l'attenzione su una terza sfida alla democrazia parlamentare, il declino della nazione- stato. Si potrebbe argomentare che la democrazia si è sviluppata con la nazione-stato e con essa ha iniziato il suo declino. Si può porre un accento eccessivo sulla svalutazione del significato della nazione-stato. Significativi settori della politica - come l'occupazione e l'istruzione, la ridistribuzione e la politica sociale - restano un fatto nazionale. Ma altri settori del governo hanno sempre più occupato spazi che vanno al di là della politica nazionale. Due sono quelli che vengono immediatamente alla mente.
Uno è il contesto dell'attività economica. Alcune parti di questo contesto sono state affidate a organizzazioni internazionali già dalla fine della seconda guerra mondiale. Ciò risulta vero per quanto concerne l'attuale World Trade Organization (Organizzazione del commercio mondiale), ma anche per le cosiddette istituzioni Bretton Woods in campo monetario e assistenziale, ai quali bisogna aggiungere l'assetto dell'economia politica messo in atto dai G7 e da altre organizzazioni. Altri elementi del quadro dell'attività economica si sono semplicemente sgretolati sotto l'influenza delle nuove forze produttive della globalizzazione. Molte transazioni finanziarie di questi giorni avvengono in assenza di una struttura di regolamentazione a cui fare riferimento. Ci si può chiedere se l'esistenza di ministri per l'e-commerce (come avviene in Inghilterra) consentirà il ritorno a controlli a livello nazionale. Sono emersi nuovi spazi dell'attività economica che hanno certamente un carattere internazionale, anche se non, necessariamente, globale. Se le nazioni-stato cercano di opporvisi, finiranno probabilmente per compromettere, piuttosto che promuovere, le loro opportunità di crescita e di prosperità.
L'altra area che ha aperto nuovi spazi riguarda espressamente il nucleo delle funzioni basilari del governo; essa è la sicurezza interna ed esterna. Va aggiunto che il periodo post- bellico è stato caratterizzato da una preoccupazione per la sicurezza esterna. Sono pochi oggi coloro che sollevano questioni di sovranità quando si tratta della NATO - ma chi esattamente ha preso la decisione di condurre la guerra in Kosovo nel modo in cui è stata condotta? E se il popolo non avesse voluto la guerra, a quale governo avrebbe potuto appellarsi per esprimere la propria volontà? Al Consiglio della NATO? O forse al governo degli Stati Uniti, confermando così la divertente battuta che poiché l' America esercita il potere sul resto del mondo, il resto del mondo dovrebbe avere diritto al voto in occasione delle elezioni presidenziali americane? Più recentemente, la sicurezza interna - attualmente chiamata in Europa gestione della giustizia e degli affari interni - è divenuta oggetto di attività internazionale congiunta, che spazia dallo scambio di informazioni alla cooperazione politica e alla creazione di nuove istituzioni giudiziarie internazionali. Ancora una volta, la natura delle problematiche è andata oltre lo spazio politico della nazione- stato. I Paesi possono rifiutare di adeguarsi alle decisioni degli enti preposti alla politica internazionale, ma così facendo corrono il rischio di pagare un prezzo proprio a proposito della sicurezza che essi intendono garantire ai loro cittadini.
Questo ci porta al nocciolo della questione: cosa succede alla democrazia quando problemi e decisioni esulano dalla nazione-stato per inoltrarsi in spazi politici, per i quali non disponiamo di istituzioni adeguate? A rigore di termini, la risposta non può essere che: la democrazia ha perso. È difficile persino identificare i "governi" responsabili di decisioni negli ambiti dell'economia e della sicurezza, e impossibile destituirli con mezzi costituzionali. Non esiste una platea adeguata, in cui possa svolgersi un dibattito coerente riguardo questo tipo di problematiche. La gran parte dei cittadini semplicemente non esiste come comunità. Quindi, l' internazionalizzazione significa invariabilmente e, a quanto pare, inevitabilmente, la caduta della democrazia. Quello che non può essere attuato nelle nazioni-stato, non può essere responsabile dell'affrancamento dei cittadini che agiscono all'interno di una costituzione basata sulla libertà. La democrazia vive e muore con la nazione-stato.
Queste sono affermazioni forti e forse eccessivamente dogmatiche. Fra tutti i tipi di obiezioni, una domanda spontanea sorge obbligatoriamente nella mente dei cittadini dell'UE: che cosa succederà dell'Unione Europea? Non potrebbe rappresentare, con sempre maggior probabilità, un esempio di democrazia al di là del concetto di nazione-stato? È una domanda che mi pongo. È stato detto qualche volta per scherzo che mentre la UE richiede istituzioni democratiche dai nuovi membri, non potrebbe far accettare la propria ammissione se essa stessa chiedesse di entrare nell'UE. Le istituzioni fondamentali, la Commissione e il Consiglio, sono chiaramente antidemocratici, e il Parlamento europeo non soltanto dispone di poteri molto limitati, ma soprattutto si trova di fronte alla situazione che non ha un demos, da cui essere legittimato. È un Parlamento non soltanto senza autorevolezza, ma senza una struttura a sostegno della sua rappresentatività.
Infatti, non esiste democrazia degna di questo nome al di fuori della nazione-stato. Al tempo stesso, le decisioni prese in consessi più ampi non possono essere lasciate in sospeso o nelle mani di funzionari irresponsabili. Cadremo vittime di una nuova tirannia impersonale, ma non per questo meno influente, se non identificheremo metodi, in base ai quali prendere decisioni a livello internazionale. La libertà richiede che almeno i principi fondamentali, sui quali si basano le istituzioni democratiche - responsabilità nell'interesse dei liberi cittadini - siano applicati nel nuovo mondo delle decisioni globali. La domanda è come ciò possa avvenire se la democrazia parlamentare non è la risposta.
Fortunatamente esistono risposte a questa domanda, anche se, al momento attuale, soltanto a livello di ipotesi. Una di queste risposte è vecchia come la democrazia stessa, l'applicazione della legge. Quando la democrazia fallisce, si può ancora ricorrere alla legge per verificare se le persone al potere non abbiano ottemperato ad alcune regole concordate. La stessa applicazione della legge deve essere attuata in ambito internazionale. Fortunatamente, tuttavia, ci sono dei punti di riferimento. Esiste la Carta delle Nazioni Unite e la Commissione preposta. Esistono i tribunali dell'Aia, che attualmente hanno potere giuridico sui criminali di guerra. Si sta sviluppando un clima internazionale, non da ultimo provocato dal caso del generale Pinochet, che alimenta la consapevolezza dell'applicazione delle leggi e un certo grado di apprensione fra coloro che la devono temere. Un numero sempre maggiore di Paesi ha ratificato lo statuto per l'istituzione di una Corte internazionale per i crimini di guerra.
Un ambito ugualmente difficile, anche se meno sviluppato, è quello delle regolamentazioni che governano i rapporti economici internazionali e, in modo particolare, le transazioni finanziarie. Questo è un terreno molto delicato. Non ha senso invalidare nuove forze produttive esercitando su di esse un controllo troppo rigoroso. Parimenti, al momento attuale, è generalmente accettato che le istituzioni finanziarie stesse debbano essere salvaguardate da abusi.
Un aspetto del controllo, sotto questo e altri profili, è l'auditing. Certamente, nell'Unione Europea, la Corte dei Revisori ha almeno la stessa autorità del Parlamento. I revisori sono in un certo senso esperti contabili. La loro funzione non può essere ricoperta da esperti con cariche di potere, ma, a meno che non condividano questa competenza con altri, non possono esercitare il loro lavoro di controllo. Questo è ben lungi dal vecchio sogno di democrazia e da quello dell'uomo della strada, il cui senso comune è perfettamente in grado di esprimere giudizi su argomenti di pubblico interesse. Ma quando ci addentriamo in problematiche e decisioni che vanno al di là della nazione-stato, il senso comune diventa sempre meno determinante. I cittadini devono affidarsi ai revisori, a controller addestrati o addirittura a professionisti, con tutte le ambiguità e le tentazioni che la loro posizione comporta.
In questo contesto bisogna ricordare un altro fattore, cioè la creazione di un'organizzazione pubblica mondiale, o, più modestamente, di una comunicazione pubblica transnazionale, come mezzo di denuncia degli illeciti. La resa pubblica di informazioni è il primo requisito fondamentale. Questo si è imposto particolarmente, anche perché Internet ha assunto una funzione "democratica": con Internet ognuno è in grado di attingere informazioni importanti ed esiste un'alta probabilità che fra i molti vi siano alcuni che sappiano come trarne profitto. Un'organizzazione come Transparency International regolamenta l'uso di tali informazioni per combattere la corruzione. Il pubblico delle varie nazioni non dispone di una struttura adeguata e di istituzioni per esprimere le proprie opinioni; tuttavia, è un'entità reale e può influenzare il futuro delle persone al potere. Non soltanto i quotidiani avranno accesso alle informazioni, ma anche gli azionisti, i politici a tutti i livelli, membri di organizzazioni non governative. Quello che non è tenuto segreto, viene a far parte di uno spazio a diffusione mondiale sotto la stessa sigla, e mantenere segreto qualcosa diventa sempre più difficile.
Così, non tutto è perduto. Ma la grande conquista della civiltà, la democrazia parlamentare, ha perso molto della sua forza. Dobbiamo ricordarci il suo principio, la responsabilità dei governi, e fare uso della nostra immaginazione per individuare istituzioni funzionali per il XXI secolo.
(Traduzione a cura del Gruppo Logos)