Già fatto: Bolzano

Walther von der Vogelweide - Bozen - Bolzano
Una Provincia Italiana ed una Regione Europea, la proposta è già realizzata qui
Date: Thu, 14 Aug 1997 21:14:21 +0200
Subject: Appunto di vacanza
Amici,
vi allego una parte di un articolo oggi sull'Alto Adige, che tratta del tema della Regione, invisa ai bolzanini, dopo un incontro tra il presidente della Provincia di Bolzano Durnwalder e il Presidente del Consiglio Prodi.

***
Titolo: Ma la regione resta, Trento e Bolzano dovranno darle un ruolo
FALZES - Si e' poi parlato della commissione bicamerale nella conferenza stampa del Presidente della Giunta Provinciale di Bolzano ieri mattina a Falzes, residenza estiva di Durnwalder. Negativo, per Durnwalder stesso, il bilancio complessivo della Bicamerale, non solo per le cose decise, ma anche per il clima. "Non capisco questa allergia, questo fastidio - dice Durnwalder - se il rappresentante di una minoranza prende la parola".
Durnwalder definisce poi "comico" il fatto che per modificare lo Statuto le proposte partano dalle Province ma poi debbano ricevere l'avvallo del Consiglio Regionale.
Cosi' sono alla fine i trentini, afferma, a decidere e come quando devono cambiare le norme che tutelano l'Alto Adige. Ognuno, invece, dovrebbe fare per se'. Quanto alla toponomastica la delusione resta. "Il problema - dice Durnwalder - non e' stato centrato". Particolare attenzione Durnwalder ha dedicato alla Regione. "Bisogna prendere atto - dice il presidente in tono molto deciso - che la Regione a questo punto resta e durera' ancora un bel po' di tempo.
***
Poi tratta della necessita' di trovare un dialogo con Trento, molto scombussolata ora da problemi politici locali, e del successo dell'Ufficio che la Provincia di BZ, quella di TN e il Tirolo hanno aperto a Bruxelles, questa iniziativa avversata inizialmente da Roma come anticostituzionale "va a gonfie vele".

***
Un'accusa assolutamente infondata come dimostra la realta'. La TRANSTIROLIA (questa Regione Europea TN+BZ+Innsbruck) e' invece una zona tranquilla dove le popolazioni vogliono confrontarsi e collaborare, ad esempio, sulla realizzazione dell'Universita', sulla formazione professionale, sull'ambiente (e' in via di realizzazione un depuratore sulla Drava, al confine italo-austriaco di San Candido) sui posti di lavoro, sull'industria e l'artigianato locale.
***
Ed ancora nel paragrafo Autonomia
***
Con questo governo la Provincia di Bolzano si trova bene, cosi' come si era trovata male con il governo Berlusconi. "In pochi mesi - ha detto Durnwalder - ho incontrato il Presidente del Consiglio (due volte) e 10 ministri, 6 dei quali sono venuti a Bolzano. Tutti gentili, tutti comprensivi".
Progressi si sono avuti con la provincializzazione della Scuola, l'Universita', l'ANAS, l'energia. E tutto questo malgrado Margheri, del PDS, e i deputati Boato, Frattini e Mitolo abbiano cercato in ogni modo di rendere le cose difficili. Il gruppo italiano deve capire che l'autonomia lo riguarda allo stesso modo rispetto agli altri gruppi. E gli italiani non fanno a se stessi un buon servizio se si oppongono ai progressi dell'autonomia. E nel futuro dell'autonomia avra' una grande rilevanza la commissione prevista dalla misura 137 del pacchetto. Proprio per capire quali sono i problemi degli italiani, per comprendere come aumentare in loro la fiducia, la Provincia ha commissionato una ricerca al CENSIS.
***
Poi prosegue parlando della minoranza linguistica ladina dei suoi problemi di integrazione.
Io mi e vi chiedo, ma perche':
il governo italiano non capisce che questa e' la via giusta per tutte le realta' provinciali italiane? Abbiamo una sperimentazione gia' conclusa e pronta per divenire prassi e fare scuola a "tutto il mondo", stiamo parlando di modifiche costituzionali alla struttura dello Stato, e rifiutiamo l'unica esperienza che funziona e dalla quale potremmo trarre insegnamenti con tutto il senso critico che vogliamo.
Sono certo che le spiegazioni dell'establishment saranno tante quante le cascate che coronano queste valli, ma sono ancora piu' certo che nessuna sara' convincente e che tutte assieme saranno una pietra tombale per l'efficienza del nostro amato e disperato Stato, anzi, meglio, disperati noi.
G. Losio