Lavoro_img1.gif Lavoro Highest priority Good idea
graphic
LAVORO
"Io credo che la disoccupazione sia un fenomeno temporaneo del ventesimo secolo, prima non c'era la disoccupazione: nei villaggi si celebravano festività che duravano settimane, prima ancora si partiva per le crociate o si facevano altre cose strane".
Ralf Dahrendorf
(intervistato da Salvo Mazzolini in occasione della Convention del Terzo Settore svoltasi a Padova nel 1998)
1
Failure to tackle Europe's jobless problem now could put the single currency in danger, Finacial times, Franco Modigliani e Giorgio La Malfa, 16/02/98
2
Europa, come promuovere investimenti e occupazione, Corriere della Sera, Franco Modigliani e Giorgio La Malfa, 14/04/98
3
LA BANCA CHE VOGLIAMO, Corriere della Sera, Franco Modigliani e Giorgio La Malfa, 04/05/98
4
La sfida del secolo, La Repubblica, Giorgio Bocca, 02/06/98
5
Modigliani: «manifesto» per il lavoro , Corriere della Sera, 25/08/08
6
L'AUTUNNO ITALIANO, Igor Man, LA Stampa, 06/09/98
7
LE FALSE APPARENZE DEI SOCIALISMI LA SINISTRA E L'EUROPA, Barbara Spinelli, La Stampa, 25/10/98
8
Una sconfitta se io e Ciampi litighiamo, Gianni Riotta, La Stampa, 01/11/98
9
Progetto Lavoro numero uno

1. Documento
Financial Times
FRIDAY JANUARY 16 1998
Franco Modigliani/Giorgio La Malfa: Perils of unemployment
Failure to tackle Europe's jobless problem now could put the single currency in danger
We are on record as having supported Europe's economic and monetary union from the very beginning. We recognise its anticipated economic benefits stemming from eliminating currency transaction costs and exchange risks, thereby reducing interest rates. We value its contribution to a fuller integration of European economies and the leap it promises from national to European sovereignty. But lately we have developed some serious qualms about the way in which Emu is taking shape and the narrow definition of its responsibilities and objectives.
The root cause of our concern is unemployment. The average level in EU countries - 11 per cent - is gigantic compared with an average of 3 per cent in the 1960s and early 1970s. This, Europe's crucial economic and social problem, is threatening the future of the EU. And it is not the result of forces beyond the reach of economic policy, such as rapid technological progress, competition from low wage countries or a crisis of capitalism.
We know this because the steep rise in the jobless rate is absent not only in the US and Japan, but also in nearly all other industrial countries, including European ones not in the European Monetary System (such as Norway, Switzerland and to some extent the UK).
Of course, many factors explain why some countries are doing better than others. But a big cause of the differential performance lies in the behaviour of aggregate demand spurred by investment. Data indicate that the rise in unemployment in the European Union between the mid-1970s and 1997 has coincided with a reduction of the share of GDP going to investment by one- third. In countries where the ratio of investment to GDP has been relatively stable (such as the US), unemployment has not risen significantly, if at all.
The lesson is clear. The EU must adopt policies to tackle unemployment through a big revival of investment. And it must do so promptly. Failure to do so may jeopardise Emu's future, as disgruntled countries m
Nothing in the Maastricht treaty or in the agreements reached during European summit meetings addresses this problem. Rather the reverse. The participants seem to have accepted the concept, repeated ad nauseam during the recent Luxembourg summit, that the level of employment is not a responsibility of the Union, but a task to be accomplished by each country separately.
At the same time they have taken away from the member countries all the tools of demand management. Fixed exchange rates and full capital mobility prevent central banks from setting interest rates. Narrow budget limits, as foreseen by the so-called "stability pact", make fiscal policy impossible. The European Commission has no resources to spend on Union-wide investment projects and the European Central Bank is enjoined to aim exclusively at price stability.
The agreement to sterilise all demand policy tools seems to reflect in part the view that unemployment is due mainly to the malfunctioning of the labour market. We agree that labour rigidities may contribute to the unemployment problem in the EU and that they deserve attention. But they are certainly not the only cause and may not even be the main one. Removing the rigidities will not return unemployment to the level of the 1960s without a recovery of investment to corresponding levels.
A second ground for rejecting demand policies reflects a combination of callous disregard for the evils of unemployment and preoccupation with the idea that any policy directed towards raising employment might produce inflation. Such a preoccupation is unfounded. In 1997, inflation in all EU countries but two was below 3 per cent. Moreover, the five countries in the Union with the lowest levels of unemployment have below average inflation rates.
The time has come for a drastic change of policies for the third phase of Emu. A plan should be drawn at European level setting a target for employment to be pursued through a gradual but significant increase of total investment, private as well as public.
Over time, this could be self-financing: the additional investment would be offset by saving the money that is currently wasted through spending on unemployment benefits. National governments ought to take responsibility for implementing this plan. It would be necessary to redefine the "stability pact", making the balancing of current budget spending compulsory, but allowing the financing of investment expenditure through public debt, perhaps subject to authorisation from the EU.

Even though we see no evidence for the concern that reducing unemployment means more inflation at the moment (although it could appear later once unemployment has fallen a lot), we suggest that it is still desirable to involve the "social partners" (labour, employers and the government) in a compact aimed at ensuring price stability. This would free the monetary authorities to concentrate on the task of fulfilling the investment target. If any country tried to revive investment unilaterally, much of its impact would be dissipated to the benefit of other countries and it would soon run into unmanageable balance of payments problems.

Finally, we would like to suggest that the so-called Euro-X committee (the club for future Emu members), which was formally decided upon in Luxembourg, could best be suited to assume the role of decision-making body for this project.

We know that our opinions are shared by many politicians as well as by most economists, although few so far have dared to take a public stand in opposing the agreements underwritten by their governments. We hope that other voices will join ours in demanding feasible policies to ensure that Emu is not a straitjacket but an opportunity for a better Europe. Otherwise, there is a danger that the whole project might fail.

Franco Modigliani is an institute professor emeritus at the Massachusetts Institute of Technology and won the Nobel Prize for economics in 1985. Giorgio La Malfa is leader of Italy's Republican party and a member of the European Parliament

2. Documento
Corriere della Sera
Martedì, 14 Aprile 1998
PRIMA PAGINA
Europa, come promuovere investimenti e occupazione
IL DEBITO ITALIANO? NON FA PAURA
di FRANCO MODIGLIANI e GIORGIO LA MALFA
Italia e Belgio dovrebbero opporre un cortese ma fermo rifiuto alla richiesta insistente di assumere nuovi impegni in materia di finanza pubblica, fra i quali in particolare quello di realizzare «significativi e persistenti attivi di bilancio necessari per ridurre in modo significativo il rapporto fra debito e reddito» come si legge nel rapporto della Bundesbank e quello di destinare qualsiasi margine di bilancio che scaturisca da un miglioramento della congiuntura alla riduzione del debito, come ha chiesto il ministro tedesco del Tesoro Waigel.
A questa richiesta la risposta deve essere negativa per molte ragioni, alcune delle quali comuni a Italia e Belgio, mentre altre riguardano solo il nostro Paese. Ognuna di esse è in sé sufficiente; la loro molteplicità mostra che la richiesta è non solo ingiustificata ma quasi assurda.
1. La richiesta di ulteriori condizioni è improponibile in quanto le procedure previste nel Trattato di Maastricht per la scelta dei Paesi chiamati a far parte dell'euro sono state seguite scrupolosamente. In particolare nell'articolo 109j paragrafo 1 è stabilito che la Commissione europea valuti, in base a quattro criteri, «la realizzazione di un alto grado di sostenibile convergenza... da parte di ciascuno Stato membro» e formuli una raccomandazione al Consiglio europeo - che su di essa voterà il 2 maggio - su quali Paesi debbano passare alla moneta unica. I risultati di questa valutazione sono stati comunicati al Parlamento europeo il 25 marzo dal presidente della Commissione Santer, insieme con la raccomandazione che 11 Paesi fra cui l'Italia, che «soddisfano le condizioni necessarie per l'adozione della moneta unica», possano passare alla terza fase dell'Unione monetaria europea. Se a questo punto la Germania pretendesse e ottenesse nuovi vincoli, ciò vorrebbe dire che l'autorità per compiere l'esame sul grado di convergenza dei Paesi europei, apparentemente attribuita a Bruxelles, in realtà risiede altrove. Naturalmente la Germania può decidere liberamente come votare nel Consiglio europeo, ma questo mostrerebbe che non sono Italia e Belgio ad avere mancato di rispettare le condizioni per la partecipazione alla moneta unica, ma la Germania a cambiare le carte in tavola.
2. Vi è una differenza sostanziale fra i quattro criteri di convergenza stabiliti nel trattato per il passaggio all'euro. I primi tre sono del tutto appropriati: è giusto premettere alla creazione di una moneta unica l'accertamento che gli andamenti dei prezzi e dei tassi dell'interesse siano più o meno in linea fra loro, così come è opportuno valutare nel periodo che precede la nascita del'Unione se le condizioni dei vari Paesi garantiscano la stabilità dei rapporti di cambio. Invece, dal momento che la Banca centrale europea non potrà finanziare monetariamente i fabbisogni degli Stati membri, i parametri relativi alla finanza pubblica - e soprattutto il rapporto fra debito e Pil - mancano quasi interamente di giustificazione economica. Per motivare comunque l'insistenza su questo aspetto del problema, il rapporto della Bundesbank esprime la preoccupazione che si possa creare un conflitto in seno all'esecutivo della Banca centrale fra la linea di rigore monetario delineata nell'articolo 105 e le posizioni dei membri dell'esecutivo della Banca provenienti da Paesi fortemente indebitati. L'osservazione è assai debole, a meno di non pensare che l'impegno alla assoluta indipendenza dei dirigenti della Banca dai Paesi di provenienza, di cui all'articolo 107, sia scritto sull'acqua.
3. Il rapporto della Bundesbank suggerisce inoltre che i Paesi ad alto debito sono più soggetti al rischio di crisi finanziarie. + evidente che una situazione di basso debito pubblico è più tranquillizzante, ma non c'è alcuna evidenza specifica di una correlazione fra il pericolo di crisi finanziarie e l'esistenza di un indebitamento pubblico che superi il fatidico limite del 60%. Vi sono numerosi esempi di Paesi con un debito pubblico più elevato del Pil, come il Belgio, gli Stati Uniti e in passato la Gran Bretagna, nei quali non vi sono state crisi più importanti di quelle verificatesi in Paesi con un debito pubblico più contenuto. In realtà il 60% è un numero che non ha alcuna base oggettiva per essere preso come riferimento o come obiettivo di una politica. Il sospetto è che esso sia stato scelto perché in quel momento esso era rispettato da Francia e Germania e non dall'Italia, la quale con quasi assoluta certezza non avrebbe potuto raggiungerlo in tempo e sarebbe quindi restata fuori, almeno in una prima fase, dall'Unione monetaria. Del resto l'Italia lo accettò quando venne accolta una proposta più equilibrata di fare riferimento altresì alla tendenza stabile alla riduzione. La Commissione ha dato il suo giudizio e non vi è ragione di tornarvi sopra.
Noi non mettiamo in dubbio che un elevato valore di questo rapporto rappresenti un problema, ma esso riguarda essenzialmente il Paese cui il debito fa capo e non gli altri Paesi dell'Unione. Esso, e non gli altri, dovrà raccogliere, mediante le imposte, il gettito necessario a pagare l'interesse sul debito. Esso, e non gli altri, dovrà tener conto delle difficoltà del rinnovo dei titoli in scadenza e limitare di conseguenza la spesa pubblica non per interessi. Un Paese fortemente indebitato può a giusto titolo rimproverare le generazioni precedenti per avere finanziato le spese pubbliche con il debito e non con le imposte, e avere quindi reso più povere la generazione presente e quelle successive. Ma tutto questo riguarda quel Paese e spetta solo a esso di decidere se sia il caso di porre in atto una politica di duri sacrifici al fine di risarcire i figli dei danni fatti dai loro antenati. Il presidente dell'Istituto monetario europeo, Duisenberg, ha detto giustamente che il debito pubblico è l'accumulazione degli errori del passato. Esso grava sul Paese che li ha commessi, non sul funzionamento dell'Unione monetaria. Diverso è invece il problema della quota del debito a breve sul totale: l'Italia ha già fatto molto in questa direzione ma potrebbe, pur non accettando di sottoscrivere espliciti vincoli, impegnarsi a continuare lungo questa strada.
4. La ragione che suggerisce di limitare il deficit dello Stato è di impedire che esso riduca il risparmio nazionale che a sua volta è il flusso necessario a finanziare gli investimenti: il contributo di ciascun Paese alla capacità di investire della Comunità non è misurato dal suo deficit e ancor meno dal rapporto debito-Pil, ma dal suo risparmio complessivo. Il risparmio nazionale italiano è fra i più alti nell'Unione Europea. Toccherebbe semmai ad altri Paesi e non all'Italia di restringere i propri consumi e incrementare il risparmio.
5. Come è noto, un surplus di bilancio ha in sé un effetto deflazionistico, a meno che esso non sia accompagnato da una corrispondente modificazione della politica monetaria in senso espansionistico in modo da produrre un aumento degli investimenti capace di assorbire l'aumento del risparmio. Poiché l'orientamento attuale della politica monetaria europea è piuttosto restrittivo, come si vede dall'elevatissimo livello della disoccupazione, un periodo di forti surplus dell'Italia e del Belgio non produrrebbe effetti utili. Al contrario, esso provocherebbe un'accentuata deflazione in questi due Paesi, che a sua volta si ripercuoterebbe sul resto della Comunità.
6. Le condizioni finanziarie di un Paese, come quelle di qualunque ente privato, vanno giudicate in base non al debito, ma al patrimonio netto. Nel caso dell'Italia la richiesta di puntare a raggiungere e mantenere un attivo di bilancio ignora l'esistenza di un patrimonio pubblico che può essere stimato (secondo un recente studio di Franco Modigliani e Fiorella Padoa-Schioppa pubblicato dal Mulino) in un ammontare molto vicino al debito stesso. Il suggerimento che potrebbe essere dato e sul quale siamo da sempre d'accordo è che l'Italia acceleri e ampli il programma delle dismissioni del patrimonio pubblico.
Per questo insieme di ragioni, l'Italia non deve assumere altri impegni, oltre quelli già gravosi che si è assunta con il cosiddetto «patto di stabilità». Anzi, come abbiamo argomentato nell'articolo «Più lavoro? Una strada c'è» («Corriere della Sera», 3 gennaio '98), essa dovrebbe insistere per determinare un nuovo orientamento della politica economica dell'Europa fortemente indirizzato verso l'espansione degli investimenti. Non è sacrificando ulteriormente l'occupazione che si costruirà una solida moneta unica europea.

3. Documento
Corriere della Sera
Lunedì, 4 Maggio 1998
PRIMA PAGINA
LA BANCA CHE VOGLIAMO
di FRANCO MODIGLIANI e GIORGIO LA MALFA,
C'è un contrasto evidente fra l'ottimismo sfoggiato in questi giorni per il varo dell'Unione monetaria e i segnali diffusi di un grave malessere sociale e politico in Europa di cui la crescita in molti Paesi di movimenti estremisti di destra e di sinistra costituisce una conferma inquietante. A parte le conseguenze che potrebbero derivare dalle difficoltà nella scelta dei vertici della Banca centrale europea, si illuderebbe chi pensasse che il cammino verso la moneta unica - e da questa all'integrazione politica - sia ormai irreversibile. Perché l'euro si affermi e si consolidi, bisogna che esso dimostri di produrre risultati economici migliori di quelli che ciascun Paese potrebbe attendersi da un uso pieno della propria sovranità monetaria.
Con una disoccupazione che si colloca in media all'11% e che raggiunge punte del 20% e oltre in molte regioni europee, il test sarà costituito dall'andamento dell'occupazione e da esso dipenderà il futuro - anche quello politico - dell'Europa. Se non vi saranno segnali di un rapido miglioramento della situazione, potrebbero emergere e acquistare rapidamente peso elettorale e politico forze che predichino il ritorno allo statu quo ante. + essenziale assicurare che si avvii, dopo anni di occupazione stagnante e di disoccupazione crescente, una fase di ripresa economica che consenta in un arco limitato di tempo - per esempio in un quinquennio - di dimezzare il tasso di disoccupazione portandolo al livello che è oggi quello degli Stati Uniti o della Gran Bretagna.
Il compito di guidare l'economia europea in questa direzione spetta alla Banca centrale europea (Bce). Il pericolo che noi vediamo è che la Bce consideri come suo unico compito il perseguimento dell'obiettivo della stabilità dei prezzi e che sia disposta - e decisa - a sacrificare a questo obiettivo ogni altra esigenza. Se questo avvenisse, si tratterebbe di un errore molto grave. Fare dell'inflazione l'unico bersaglio della politica della Banca centrale significa combattere ancora una volta una guerra già combattuta. In Europa, oggi, l'inflazione non è più un problema e non vi è ragione di temere che la situazione possa cambiare a breve termine. In nessun caso, peraltro, può essere efficacemente controllata attraverso la politica monetaria. L'andamento dei prezzi riflette essenzialmente l'evoluzione dei costi, più che il carattere della politica monetaria, e oggi i costi appaiono sotto controllo e possono essere efficacemente governati da un accordo fra le parti sociali come quello sperimentato in Italia dal 1992 in avanti e che noi auspichiamo venga preso a modello in Europa.
+ invece proprio all'andamento dell'economia reale che la Bce deve indirizzare la sua attenzione. La crescita della disoccupazione è strettamente legata alla caduta della quota degli investimenti rispetto al Pil (Prodotto interno lordo) ridottasi di un 30% circa fra il 1973 ed oggi. La chiave per il riassorbimento della disoccupazione è in una vigorosa ripresa degli investimenti. E la politica monetaria è lo strumento fondamentale e riconosciuto per stimolare l'investimento. Per di più, è l'unico strumento di politica economica disponibile giacché, con l'adozione del cosiddetto patto di stabilità, di cui il governo tedesco ha fatto una condizione sine qua non per procedere con l'euro, di fatto si è sterilizzata la politica di bilancio.
Dunque, la rapida ripresa degli investimenti deve essere l'obiettivo prioritario e dichiarato della Bce e insieme il metro per giudicarne la performance. A questa impostazione vengono mosse tre obiezioni. La prima è che la causa della disoccupazione è nella rigidità del mercato del lavoro: nulla potrebbe la politica monetaria se tale rigidità non viene rimossa. Siamo perfettamente d'accordo sul fatto che servano mercati di lavoro più flessibili. La flessibilità può rafforzare la ripresa della domanda di lavoro ma non può né crearla né sostituirla.
La seconda è che la politica monetaria non è efficace nello stimolare gli investimenti: i tassi di interesse - si dice - sono ormai bassi, ma la ripresa non dipende da essi. A noi sembra che vi sia ancora margine per ridurre i tassi, ma se si dovesse concludere che la politica monetaria è inefficace, allora bisognerebbe rivedere drasticamente il patto di stabilità e assegnare alle politiche di bilancio il compito di promuovere, attraverso gli investimenti pubblici, una ripresa dell'occupazione. Noi preferiamo senz'altro la via dello stimolo fornito dalla politica monetaria, ma in un modo o nell'altro la macchina della ripresa deve mettersi in moto.
La terza obiezione è la più insidiosa. L'euro - si dice - ha bisogno di affermarsi come una valuta credibile sui mercati internazionali. Ha bisogno dunque di essere accompagnato da una politica monetaria rigorosa che valga a sostenerne i corsi rispetto alle altre valute internazionali e, in particolare, al dollaro. Sarebbe, secondo noi, un errore parallelo all'altro se la Bce si prefiggesse lo scopo di perseguire un valore elevato dell'euro. L'alto valore del dollaro non è la conseguenza della politica monetaria di quel Paese: è invece il riflesso della forza dell'economia americana. Così sarà per l'Europa: un'Europa in forte espansione sarà un magnete capace di attirare verso i propri mercati i capitali; un'Europa con una disoccupazione stabile o crescente e attraversata da un malessere politico evidente vedrà i propri capitali uscire in cerca di maggiore sicurezza. Una quotazione iniziale contenuta dell'Euro oltretutto aiuterebbe le esportazioni degli 11 e faciliterebbe il compito della Bce.
+ stato sottolineato da più parti in questi giorni che l'unificazione monetaria europea è una scommessa perché essa precede e non segue l'unificazione politica. Sarà la Bce con le sue scelte a decidere in ultima analisi del successo o dell'insuccesso di questa avventura. In questo senso il futuro politico dell'Europa dipende dai suoi indirizzi e dalle sue prime decisioni. Quella che abbiamo delineato è - per adottare uno slogan politico felice - la Banca centrale europea che vogliamo, quella della quale l'Europa ha bisogno.

4. Documento
La Repubblica
Martedì, 2 Giugno 1998
LA SFIDA DEL SECOLO
di GIORGIO BOCCA
IL CORO è unanime e cresce in drammaticità come in enfasi: lotta alla disoccupazione, ora occupiamoci dello sviluppo, entrare nell'euro ma non entrarci morti. Lo dicono il presidente della Repubblica, il governatore della Banca d'Italia, i grandi industriali, l'"Osservatore romano", i sindacati, il capo del governo, il capo della opposizione. Ma se con tanto consenso le operazioni di cui sopra stentano a partire forse vuol dire che tanto facili non sono. Il suono che mandano queste denunce e questi propositi è ambiguo perché se da una parte si tratta di sfide sociali decisive e drammatiche dall'altra non si può far finta che non travaglino tutti i paesi avanzati e che non sia altamente probabile che a questo secolo del lavoro ne segua uno del poco difficile lavoro.
LA RIVOLUZIONE tecnologica corre per suo conto, irrefrenabile, è possibile che gran parte dei lavori impiegatizi semplici e ripetitivi venga in un vicinissimo futuro fatta dalle macchine intelligenti, che metà delle segretarie e delle telefoniste debba cercarsi un nuovo lavoro.
Le cure tanto conclamate della flessibilità e del part time, le miracolose ricette della deregulation americana guardate da vicino non sembrano così entusiasmanti, il milione e mezzo di posti di lavoro creati negli Stati Uniti nel 1997 erano al novanta per cento lavori umili e umilissimi con paghe di poco superiori al livello dell'indigenza. Meglio questo che niente, ma a prezzi e durezze sociali che da noi è difficile imporre.
Ci sono cose da fare e da fare presto anche perché sono già state fatte in altri paesi: la riduzione dell'orario di lavoro, il "lavorare meno lavorare tutti" già accettato dagli operai di una grande fabbrica tedesca come la Volkswagen; gli incentivi fiscali a chi investe nelle aree sottosviluppate, come avviene in tutto l'Est tedesco, nel Nord minerario della Francia in alcuni distretti inglesi e ora anche da noi in Puglia e in Basilicata.
Ci sono i grandi lavori su cui si è fondato l'ordine pubblico dal primo anno dell'unità, le opere pubbliche della grande destra per dare allo Stato le strutture unitarie ma anche per tener buoni i disoccupati. E c'è anche la politica della assistenza, dei sussidi a pioggia, dei finanziamenti di Stato appesi a qualche sciagura naturale. C'è la vecchia politica meridionalistica tanto criticata e biasimata dal neoliberismo, dai cultori del prato basso spontaneo, ma senza la quale il Meridione non sarebbe rimasto agganciato al resto del paese. Anche con i consumi? Anche con gli sprechi? Sì, e se vogliamo persino con la redistribuzione mafiosa.
Su questi temi della occupazione e della sopravvivenza la cultura economica è sempre stata divisa fra i seguaci di Malthus, per i quali il numero crescente degli uomini era superiore alle possibilità della terra, e i fisiocratici per cui il lasciar fare, il lasciar passare era il toccasana. Pessimisti e ottimisti sono stati, volta a volta, smentiti dai fatti. Ma non si può chiudere gli occhi di fronte ai fatti macroscopici del presente e del prossimo futuro, agli ottocento milioni di uomini che nel mondo non hanno lavoro o un lavoro decente.
L'economista Keynes aveva previsto per la fine di questo secolo la soluzione definitiva dei problemi del lavoro e invece marciamo verso un mondo di lavoro sempre più scarso. Anche oggi gli ottimisti si rifiutano di prendere in considerazione le previsioni di una graduale ma non lontana scomparsa della classe operaia. "Incredibile!": dicono "Impossibile!". Eppure un lavoro millenario quello agricolo che sembrava congenito alla umanità si è ridotto al minimo, il 2,3, per cento negli Stati Uniti, meno del 10 da noi.
Lo sviluppo è entusiasmante per quelli che se lo possono permettere e che ne traggono grandi vantaggi, non per i trentacinque milioni di disoccupati dei paesi dell'Ocse in cui i posti di lavoro vengono cancellati a centinaia di migliaia per ogni anno.
Di fronte a queste sfide la sinistra è particolarmente vulnerabile e vive con forte disagio lo scambio delle parti: tocca a lei la parte, tradizionalmente dei conservatori, di rimettere ordine nei conti, tagliare le spese, ristabilire la disciplina nel pubblico impiego; e in questo suo nuovo compito lascia spazio alla demagogia a volte impudica dei moderati improvvisatisi difensori del popolo e veri unici sostenitori dello svilippo come se lo sviluppo che c'è stato nel nostro paese negli ultimi quindici anni non fosse sotto gli occhi di tutti, come se le nostre grandi città non fossero state rese invivibili. Questo sviluppo a quanto è dato di vedere è lo sviluppo della tecnologia e dei grandi profitti commerciali e finanziari ma è anche quello dei tagliatori di teste e anche quello che ad ogni aumento del fatturato e dei profitti fa seguire la lista dei licenziati.
Hanno ragione i nostri maggiorenti, governatori della Banca d'Italia, capi di governo, leader sindacali a ripeterci che questi temi sono al centro della nostra vita associata, decisivi per il futuro nostro e dei nostri figli.
Ma sarebbe augurabile che lo facessero in modi realistici e meno rimbombanti, ricordandosi qualche volta che dove prima occorrevano sessanta persone adesso ne bastano tre e che i benefici del commercio mondiale decantati dal nostro Renato Ruggiero non bastano a quanto pare a trovare un lavoro per gli altri cinquantasette.

5. Documento
Corriere della Sera
Martedì, 25 Agosto 1998
ECONOMIA
OCCUPAZIONE -1/ Il premio Nobel italiano, l'americano Solow e il francese Fitoussi chiedono il rilancio della crescita. A ottobre summit con Prodi e Ciampi
Modigliani: «manifesto» per il lavoro
«La Banca europea deve diminuire il costo del denaro fino a innescare un aumento degli investimenti del 10-15% per più anni» Gli economisti: le 35 ore servono a spalmare la miseria «Un patto in due tempi: prima giù i tassi, poi libertà di licenziamento» Secondo gli studiosi l'inflazione non sarà un pericolo
Giorgio Meletti
ROMA - Un gruppetto sceltissimo di luminari si è messo al capezzale della vecchia Europa ammalata di disoccupazione, e molto gravemente in alcune sue parti come l'Italia. Dalle loro osservazioni e riflessioni sono scaturite la diagnosi e la proposta di terapia, condensate in una quarantina di pagine «tutte di sostanza», come le definisce l'ispiratore dell'operazione, l'economista premio Nobel Franco Modigliani. Il quale non si nasconde che questo «manifesto per l'occupazione», a cui sta lavorando insieme a colleghi italiani e stranieri (tra loro Paolo Sylos Labini, Beniamino Moro, Dennis Snowers, Jean Paul Fitoussi, Assar Lindbeck, Zimmermann e un altro premio Nobel, Robert Solow), assumerà il sapore della vera e propria sfida per i governanti del Vecchio Continente alle prese con una nascita dell'Euro perturbata dalle crisi finanziarie dell'Asia e della Russia. Perché la terapia di Modigliani e soci richiede due dolorosi addii: alla politica monetaria restrittiva dell'Europa - inizialmente giustificata dalla crisi petrolifera ma poi ingiustificatamente protratta - e alle rigide leggi di protezione del lavoro.
È una ricetta che somiglia in diversi punti a quella proposta nei giorni scorsi dal ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi, che chiede alle imprese di tenere fermi i profitti unitari e di destinare maggiori risorse agli investimenti per allargare la base produttiva, offrendo in cambio norme più flessibili per il mercato del lavoro. Ma c'è un differenziale di concretezza nel meccanismo studiato da Modigliani, che non si limita a chiedere comportamenti virtuosi alle imprese. Il manifesto degli economisti affronta infatti in modo netto la questione del taglio drastico dei tassi d'interesse come motore degli investimenti: un nodo che il ministro italiano dell'Economia ha solo sfiorato, anche perché è ormai una questione che va al di là dei poteri nazionali e investe le prime grandi scelte della nuova Banca centrale europea. «Tocca alla Bce tagliare i tassi, ormai non è più cosa che riguardi Ciampi o il governatore Antonio Fazio. E io con la Bce non ho problemi - ride Modigliani -; c'è Tommaso Padoa- Schioppa che essendo mio allievo non può non essere d'accordo con me, almeno in senso lato».
Spiega il premio Nobel: «Abbiamo analizzato le ragioni dell'alto tasso di disoccupazione che affligge l'Europa, rigettando tutte le argomentazioni correnti: la differenza dei carichi fiscali, il progresso tecnologico, la concorrenza di Paesi con un costo del lavoro sensibilmente inferiore. Sono tutte spiegazioni false». La dimostrazione è secca: il peso del fisco non manifesta grandi differenze tra Paese e Paese laddove si tengano distinte le tasse dagli oneri pensionistici («ed è solo frutto dell'ignoranza considerare la previdenza una tassa anziché una forma di risparmio»). Mentre lo sviluppo della tecnologia e la concorrenza dei Paesi emergenti a basso costo del lavoro non possono essere considerate cause della disoccupazione per il semplice fatto che non la generano in sistemi come quello degli Stati Uniti, del Giappone o degli altri Paesi Ocse, che pure sono esposti ai loro effetti esattamente come l'Europa.
E allora perché la piaga della disoccupazione affligge solo i Paesi dell'Euro? «Innanzitutto partiamo dall'assioma che difficilmente ci sarà impiego di manodopera in assenza di domanda - sostiene Modigliani -. E se l'Europa vede languire gli investimenti produttivi che creano posti di lavoro la colpa è della politica monetaria restrittiva seguita finora. La mancanza d'investimenti addirittura dimostra che i tassi sono troppo alti: devono scendere drasticamente fino a determinare una crescita annua degli investimenti del 10- 15% per diversi anni consecutivi». Se qualche economista o qualche banchiere temesse possibili fiammate inflazionistiche generate da questa massiccia cura a base di denaro più facile, Modigliani è pronto a stritolare le obiezioni con la dovuta energia: «E' un errore tipicamente europeo quello di vedere un legame tra tassi e inflazione. Non c'entra niente: l'inflazione è data da un eccesso di domanda, rischio che ben difficilmente si correrà in Europa fino a quando ci sarà disoccupazione, e che comunque si terrebbe sotto controllo impedendo una rincorsa dei salari».
Detto dei tassi, che determinano il lato della domanda di lavoro, il manifesto degli economisti passa a parlare delle politiche dell'offerta, cioè delle regole del mercato del lavoro. Rigide in tutta Europa, rigidissime in Italia, secondo Modigliani, per il quale «lo statuto dei lavoratori è stata una rovina per il Paese». «Ma la questione si pone per tutto il Vecchio Continente. L'imprenditore sa che non può licenziare e per questo ha paura di assumere, così i giovani pagano il prezzo della sicurezza del posto di lavoro dei meno giovani. Dobbiamo superare tutto questo - propone Modigliani - attraverso un accordo con i sindacati così impostato: mentre si attiva la manovra sulla domanda aggregata, e quindi sulla domanda di lavoro, si concorda la graduale eliminazione delle leggi protettive, con l'obiettivo di arrivare a una situazione in cui l'azienda può licenziare con la semplice eccedenza di personale accettata come giusta causa. Questa riforma andrebbe sincronizzata con l'aumento dei posti, in modo che i lavoratori vedano i nuovi posti di lavoro prima di rinunciare alle loro garanzie. Nello stesso tempo, infatti, una certa crescita dell'occupazione ci sarebbe ugualmente, anche con le vecchie regole sul lavoro, sia perché la manovra sui tassi è sufficiente da sola a dare un certo risultato, sia perché gli imprenditori sarebbero meno riluttanti ad assumere in vista di un progressivo alleggerimento del divieto di licenziare. Ecco, questa sarebbe una politica del lavoro, non la legge sulla riduzione dell'orario di lavoro a 35 ore che, anziché creare ricchezza, obbedisce al perverso principio di spalmare la miseria».
Con questa sfida in mente, a ottant'anni compiuti, Modigliani sta limando il documento che sarà accompagnato non solo dai nomi prestigiosi dei firmatari ma anche da un largo numero di economisti di tutto il mondo già pronti a sottoscriverne e appoggiarne l'impianto di fondo.
E il primo appuntamento è già fissato: il 17 e 18 ottobre Modigliani presenterà il «manifesto per l'occupazione» sul lago d'Iseo a un seminario cui prenderà parte lo stesso Ciampi. «E spero che ci sia anche il presidente del Consiglio, il mio amico Romano Prodi», manda a dire Modigliani.

6. Documento
La Stampa Domenica, 6 Settembre 1998
L'AUTUNNO ITALIANO
D I diverso c'è soltanto l'abbronzatura, i discorsi son sempre gli stessi. I discorsi dei politici, dico. Il presidente della Repubblica esorta i partiti a fare le riforme promesse al popolo italiano. Con tutto il rispetto, ho l'impressione che gli italiani non si aspettino tanto "le riforme" quanto un po' di concretezza. Da parte dei politici, beninteso. Molti dei quali danno l'impressione di scoprire "necessità e problemi" che risalgono, alcuni, addirittura al secolo scorso: dice niente la Questione Meridionale? La (presunta) scoperta o riscoperta coincide, anno dopo anno, con la cosiddetta ripresa politica. Al pari degli operai della Fiat, il 1 di settembre deputati e ministri riprendono l'usata fatica. Durante l'estate han riposato ben poco, impegnati come erano in scaramucce all'insegna della prova generale, e adesso, ahiloro, comincia la stagione (politica) coi rituali "nodi" da sciogliere: quello della Disoccupazione, della Giustizia, eccetera. Rituali perché anche l'anno scorso (per non andare troppo indietro nel tempo) quelli erano i "nodi" da sciogliere. A questo punto esplode il timore che quei "nodi" non si scioglieranno mai. Per insipienza e/o per quieto vivere? " Conforme ", dicono nel Veneto.
Sbaglieremo senz'altro, non siamo studiosi del Palazzo ma solamente del Sud del Mondo, e tuttavia non è senza raccapriccio che scopriamo come il nostro caro paese sia afflitto da mali e malesseri maledettamente simili a quelli che rendono amaro, e sempre più difficile, il mestiere di vivere giustappunto nel Sud del Mondo: quella congerie di paesi cosiddetti in via di sviluppo. Saremo, anzi siamo, la settima (o ottava) potenza industriale del pianeta epperò noi- Italia patiamo quella "latitanza dello Stato" che gli esperti non si stancano di indicare come il Buco Nero in cui sprofondano, nel Sud del Mondo, almeno due delle Libertà Fondamentali: la libertà dal bisogno - la libertà dalla paura.
Un po' di numeri: il tasso di disoccupazione giovanile (al 30 di aprile del 1998) è del 29,5 per cento, vale a dire quasi il triplo della media generale prossima all'11. Un lustro addietro, la disoccupazione giovanile era al 26,5 per cento. Il tasso di attività giovanile (cioè italiani tra i 14 e i 29 anni, che lavorano) è del 41,8 per cento, sempre in aprile. Cinque anni fa era del 43,3. Il 65 per cento dei poveri in Italia, gente schiava del bisogno, ha meno di 24 anni. Il ministro del Tesoro, che sarà pure laureato in filosofia ma gode della stima dei più grandi economisti (ovviamente stranieri), ha proposto un nuovo "patto per lo sviluppo" fra governo, sindacati, imprenditori. Cofferati, capo della Cgil, è venuto di rincalzo affermando che il Sindacato è pronto a collaborare "affinché l'attuale (?) fase di sviluppo si rafforzi e si estenda alle aree tuttora depresse". Non è chiaro, però, a quale sindacato si richiami Cofferati: tutto ovvero soltanto la Cgil. Pure l'onorevole D'Alema è con Carlo Azeglio Ciampi, e questo potrebbe anche confortarci, ma ecco il Grillo Parlante sfasciar tutto: "E' inutile chiamare gli imprenditori al tavolo della trattativa senza offrir loro nulla. E di soldi da mettere sul tavolo il governo non ne ha. Sempreché non li tolga alla spesa corrente, che tuttavia non si può toccare", sentenzia Giorgio La Malfa. A questo punto, con la dovuta umiltà, vorremmo ricordare ai Nostri che in Gran Bretagna la disoccupazione giovanile è pressoché inesistente. La libertà dal bisogno, infatti, trionfa grazie al welfare State , "che rappresenta, per i giovani, una forte rete di protezione".
E veniamo alla paura, della quale siamo schiavi seppur non confessi. Cominciamo dal poco per arrivare al troppo. Alle 10 della sera piazza Venezia, snodo tra i più importanti di Roma, capitale d'Italia, diventa una pista di gokart . Giovani predatori dell'albero delle pere, corrono a bordo di utilitarie truccate puntando sgomenti turisti, in folle competizione con abbronzatissimi ruffiani, in delirio d'onnipotenza a bordo delle più costose automobili dell'universo, grazioso dono delle loro "protette", nigeriane o albanesi. A Napoli la Camorra ha ripreso le sue spedizioni punitive ma siccome i killers professionisti oziano tuttora ai Tropici, quelli disponibili essendo scamuffi a morire ammazzati sono innocenti passanti. E' dell'altro giorno la notizia - terribile, spaventosa -, della Signora Giuseppina Guerriero, anni 43, quattro figli, colpita alla testa (e "successivamente deceduta") da due killers camorristi. La stessa "dinamica", spiegano i responsabili dell'ordine (pubblico) della quale fu vittima, nel giugno dell'anno scorso, la Signora Silvia Ruotolo, in Salita Arenella, a Napoli. Dove per "dinamica" deve intendersi: errore. Degli assassini. Chi scrive s'è presa la briga di riguardare i giornali del giugno 1997: orrore, sdegno, dichiarazioni "fermissime", altrettanto "fermissimi" ammonimenti ai camorristi, omelie, funerali con l'applauso. Nunca mas , mai più. E invece la strage degli innocenti continua, a dispetto, ovviamente, dello Stato, sempre (ovviamente) non disposto a tollerare oltre certe sfide. Lo Stato, chi è costui? Quello che, attraverso i suoi responsabili ci informa (è ancora oggi sui giornali) a codicillo della (buona) notizia che Alessandra Sgarella è tornata a casa dopo 266 giorni di prigionìa nell'Aspromonte, "liberandosi da sé". Come la Signora Melis, insomma. "Elementare, Watson". E tuttavia agli italiani interessa poco, pensiamo, che si sia pagato o non il riscatto. Agli italiani vien fatto d'arrossire. Poiché comunque siano andate le cose, un sequestro durato nove mesi (quanti ce ne vogliono per gestire un bimbo) senza che le Forze dell'Ordine siano riuscite a liberare l'ostaggio, rappresenta una enorme, tremenda, meschina sconfitta dello Stato.
Do it yourself , fatelo da voi: così era scritto su confezioni straordinarie che scoprivamo negli Stati Uniti nei Cinquanta: con mille pezzi e molta pazienza potevamo costruirci una altalena ovvero un letto di campagna eccetera. Fatelo da voi : assumendo a guisa di stimolo quello slogan d'oggettistica, noi italiani ci siamo fatti una Costituzione che tutto sommato regge ancora perché nobile assai; abbiamo costruito una democrazia senza della quale, per fare il più banale degli esempi, un articolo come questo che scrivo non sarebbe mai apparso su di un giornale. Abbiamo creduto nella democrazia e tuttora ci crediamo ma, purtroppo, davanti al cattivo uso che qualcuno ne fa, cominciamo a diffidare dello Stato. Ma lo Stato non c'è, affermano in tanti. No, peggio: lo Stato esiste ma è malato. Latita perché non sta bene. E' possibile guarirlo? Forse. In ogni caso non certo (o non soltanto) con le invocate "riforme" o tagliando i tassi. (Bisognerebbe tagliare le tasse ma non si può: lo impediscono le legioni di evasori che lo Stato, sempre lui, non riesce a sgominare una volta per tutte, definitivamente). La gente è stanca di promesse, non ne può più di quella che Ernesto Rossi definì "aria fritta". E adesso, per favore, che nessuno venga a dire che chi scrive è un qualunquista: il vecchio cronista s'è limitato a trasferire in un articolo quello che la gente non si stanca di scrivere, o faxare, ai giornali, di dirci quando ci incontra. Il mitico Tom Payne (1737-1809) nel suo Common Sense scrisse che un paese per esser felice non ha bisogno di eroi bensì di uomini di buon senso.
Igor Man

7. Documento
La Stampa
Domenica, 25 Ottobre 1998
LE FALSE APPARENZE DEI SOCIALISMI  LA SINISTRA E L'EUROPA
P OCHI giorni son bastati e già si parla di un'Europa dal volto completamente nuovo, che potrebbe prender forma grazie al trionfo ormai diffuso delle sue socialdemocrazie, dei suoi socialismi o postcomunismi riformati. Dicono che l'etica è infine di ritorno nella diplomazia dei Paesi dell'Unione, come Tony Blair e il ministro degli Esteri Cook avevano annunciato sin dal '97. Per questo sarebbe stato arrestato l'ex dittatore cileno Augusto Pinochet, il 16 ottobre a Londra: per dimostrare che un'epoca di cinismi è infine tramontata, che nuovi criteri più morali e più giusti saranno incorporati nelle condotte dell'Europa socialdemocratizzata. Dicono anche che la politica tornerà ad avere il primato sull'arida Europa dell'economia, della Moneta Unica, della troppo potente Banca Centrale di Francoforte. Questo avrebbero in mente Schroeder e Lafontaine - in armonia con Jospin e forse con D'Alema - quando invocano un'Unione Europea più politica, meno tecnocratica: un'Unione nella quale i banchieri non abbiano l'intero monopolio delle decisioni, quando si tratterà di decidere il futuro tasso di cambio dell'Euro o il rapporto tra quest'ultimo e il dollaro. Un'Europa più etica, un'Europa più politica: poderosa è la svolta annunciata dalle socialdemocrazie vincenti, e si può capire l'euforia del loro primo incontro, iniziato ieri a Klagenfurt. E' un incontro colmo di fierezze, di autocompiacimenti: con i loro gesti diplomatici delle ultime settimane, con le loro parole piene di volontarismo morale, le sinistre hanno l'impressione di rifondare l'Europa, di rifarla.
Molti di questi gesti e di questi propositi sono tuttavia ingannevoli, e hanno rapporti equivoci oltre che labili con le politiche effettivamente perseguite. Sono gesti dimostrativi, compiuti senza autentica coerenza e senso di continuità. Sono gesti spesso nobili, ma destinati a svuotarsi presto e a divenire presto effimeri. Non è interamente etica né interamente giusta, una politica estera che si vanta di arrestare Pinochet ma che ha paura di arrestare i molti dittatori che sono tuttora influenti e che si aggirano impunemente nel mondo, pur avendo le mani sporche di massacri, di crimini contro l'umanità. Sono anni che il Tribunale dell'Aia chiede insistentemente l'arresto di Mladic e Karadzic -autori di un vasto genocidio di musulmani nella guerra di Bosnia - e nessun responsabile socialdemocratico o laborista ha l'ardire di rispondere alla domanda. Nessuno ha l'ardire di incolpare Milosevic ideatore dei programmi panserbi di sterminio etnico, o di negare il visto a Fidel Castro, o di istruire un processo internazionale a Ariel Sharon responsabile di massacri inumani nella guerra del Libano. Sarebbe una cosa troppo complicata e difficile arrestare dittatori o criminali che ancor oggi esercitano un'influenza nei propri Paesi, e allora si sceglie la via più facile, più molle, meno impegnativa. La via più facile è l'arresto di Pinochet, la cui dittatura sanguinaria appartiene al passato e non è più un dramma del presente. E' solo in rapporto al passato che si esercita la nuova politica estera di Blair, più sensibile ai diritti dell'uomo e alle regole della giustizia internazionale. E' solo in rapporto a dittatori spenti, a forze malefiche spente, a criminali vicini alla morte: incapaci ormai di fare del male, e di intimidire gli impotenti come i potenti del mondo .
L'arresto di Pinochet non è di per sé una cattiva notizia, e in questo le sinistre e i democratici hanno non poca ragione: finalmente i dittatori sapranno che la loro impunità non sarà permanentemente garantita, e che verrà il giorno in cui il verdetto li raggiungerà. Finalmente sarà chiesta alle diplomazie europee una vigilanza più acuta di fronte ai crimini contro l'umanità, e antiche tradizioni di indifferenza e cinismo verranno scombussolate, a cominciare dalle tradizioni dei diplomatici italiani. Ma i dittatori apprenderanno anche altre cose, dalla vicenda giudiziaria dell'ex dittatore cileno. Apprenderanno che l'etica delle nuove socialdemocrazie europee è emiplegica, e si applica solo al passato. Apprenderanno che piena licenza di uccidere e massacrare vien data loro nel presente, e che la giustizia interverrà solo quando il male sarà stato compiuto, quando i despoti avranno attuato totalmente i loro piani di sterminio e di aggressione.
Non è escluso che per l'occasione apprendano anche una lezione più sottile, perversa: meglio aggrapparsi al proprio potere e alle proprie poltrone come Milosevic o Castro o i responsabili cinesi di Tienanmen, piuttosto che negoziare pacificamente la fine della dittatura come ha fatto Pinochet. Quest'ultimo dovrà infatti temere di perdere l'impunità, e non chi astutamente resterà dittatore. Vista in questa prospettiva, l'etica delle nuova Europa socialdemocratica rischia di snaturarsi, e di apparire come un'etica non già coraggiosa ma grandiloquente, futile, e non priva di vigliaccherie. Rischia di apparire come una condotta di avvoltoi moralisti, che se la prendono esclusivamente con carcasse di defunte dittature. Non a caso il nobile gesto potrebbe rivelarsi di breve durata: già due giorni fa il ministro degli Interni inglese ha fatto capire che Pinochet - vecchio e malato - potrebbe esser liberato "per compassione".
Marx avrebbe detto, delle nuove sinistre che si vantano per magri gesti grandiloquenti, che son "produttrici di false apparenze" e di "falsa coscienza", come si diceva un tempo della borghesia capitalista. E' falsamente apparente un'etica diplomatica che si propone di far giustizia, ma aspetta che tutti i crimini siano commessi e che i dittatori si ritirino dalla vita politica, per manifestare il proprio sdegno e il proprio attivismo. Così come d'altronde è falsa apparenza il Tribunale penale internazionale creato a Roma il 17 luglio. Sono tali e tanti i limiti imposti dagli Stati all'autonomia della futura corte, e alla sua possibilità di procedere contro i colpevoli in tempo utile per prevenire l'estensione di genocidi o crimini contro l'umanità, che a malapena si può parlare di giustizia. E' stata perfino introdotta una clausula che permette ai regimi incolpati di ottenere la sospensione per sette anni d'ogni competenza indipendente della corte: sospensione che lascia loro piena libertà di eseguire, nonché di terminare, i piani di sterminio. All'elaborazione di questa e di altre clausole restrittive hanno contribuito le sinistre europee: hanno contribuito i laboristi e in modo speciale i socialisti francesi, che non hanno mai visto di buon occhio né i tribunali contro i crimini in ex Jugoslavia e Ruanda, né la Corte internazionale permanente. L'esistenza di una corte autonoma dagli Stati resta fastidiosa, per molti socialisti d'Europa.
Ma l'etica non è l'unica falsa apparenza che rischia di esser prodotta dalle socialdemocrazie. Anche la battaglia per il primato della politica sull'economia -  nel futuro ordinamento dell'Europa monetaria - ha nobili accenti ma può divenire ingannevole, perché ambigua. Si promette un grande progresso, ma segretamente si pensa forse a frenare la costruzione di un'Unione davvero più stretta. Si promette un'Europa politica, e si pensa in realtà a una rinazionalizzazione dell'Unione: si pensa al primato delle singole politiche nazionali, dei singoli interessi, sulle istituzioni sovrannazionali appena create. Non ha altro significato l'idea di Lafontaine e del francese Strauss Kahn, di togliere alla Banca Centrale dell'Unione il compito di fissare i tassi di cambio dell'Euro. Non esiste un governo europeo con simili poteri di decisione, e dunque sarebbero gli Stati a reclamare la restituzione di una sovranità cui hanno appena rinunciato. Anche in questo caso peraltro, come nel caso dell'etica, il principale avversario rischia di divenire l'organo sovrannazionale che sta mettendo radici - Banca Centrale o Corte Permanente, Tribunale dell'Aia sui Balcani o di Arusha sul Ruanda - la cui indipendenza risulta invisa a non pochi socialdemocratici.
E' un vizio antico della sinistra, quello di non tollerare l'esistenza di contropoteri autenticamente indipendenti dalla politica: contropoteri bancari, economici, in alcuni casi giudiziari. Sarebbe davvero un peccato se questo vizio, così diminuito sul piano nazionale, rinascesse oggi in Europa. Sarebbe peccato se la sinistra scegliesse la via più facile, meno impegnativa: la via che consiste nell'abbassare tutti questi poteri nascenti - Banca Centrale dell'Unione, Corte permanente di giustizia internazionale - per far apparire più grande la magra politica, e la magra etica, che si pretende di voler restaurare e rifondare.
Barbara Spinelli

8. Documento
La Stampa
Domenica 1 Novembre 1998
"Una sconfitta se io e Ciampi litighiamo"
"Governo, sindacati, imprenditori e sindaci dovranno creare il nuovo patto sociale"
Bassolino: "Lavoro e rigore non sono in conflitto"
G UAI se, nel governo di Massimo D'Alema, il ministro Carlo Azeglio Ciampi divenisse sinonimo di rigore e il ministro Antonio Bassolino sinonimo di sviluppo. Sarebbe sconfitto il governo e sarebbe sconfitto il Paese. Dobbiamo invece creare un nuovo patto sociale, governo, sindacati e imprenditori, coinvolgendo anche i sindaci. La nuova sinistra non fallirà l'appuntamento con il governo dell'Europa". Antonio Bassolino, sindaco di Napoli e neoministro del Lavoro, non crede affatto che "l'Europa, governata per nove undicesimi dalla sinistra, debba ritornare ai giorni della spesa pubblica dissennata. Il lavoro lo creano le imprese. A noi tocca assicurare le condizioni per un patto di sviluppo: come Ciampi seppe fare con l'accordo sul costo del lavoro nel 1993".
Il settimanale inglese The Economist è persuaso invece che l'Europa "sbanderà a sinistra", che uomini come i ministri delle Finanze di Francia e Germania, Strauss-Kahn e Lafontaine, violeranno il rigore di Maastricht. Tornano i posti di lavoro "parastatali" e i deficit di bilancio?
"Sarebbe un disastro. Vogliamo parlare del Sud? Il Mezzogiorno ha pagato un prezzo doloroso per entrare in Europa. Ma è stata la scelta giusta. Oggi il Sud è con l'Italia, nel mare aperto della competizione. Qualcuno vorrebbe riportarlo sulle spiagge rassicuranti dell'economia pubblica di una volta, ma il Sud resterebbe tagliato fuori dall'economia mondiale. Questa sì, una tragedia".
Lei è stato un dirigente politico comunista, poi sindaco di Napoli, ora arriva al governo: con quale strategia?
"Cinque anni di mestiere di sindaco mi hanno insegnato che nei Palazzi la concretezza è virtù sovrana. Dobbiamo cambiare il clima del Paese, riaprire un dialogo sociale e istituzionale. Governo, sindacati e imprenditori possono ripetere il successo del 1993, i patti che ci hanno portato in Europa. Io ho un'ambizione. Arrivare a un patto sociale a tre, che coinvolga a certe condizioni sindaci e Regioni. Senza pregiudizi. Davvero non è possibile semplificare certe procedure? Davvero è indispensabile che una piccola azienda che voglia uscire dal sommerso debba aspettare sette mesi per i certificati antitubercolosi? Sette mesi! Questa burocrazia è nemica dello sviluppo. A che cosa serve che la Telecom riesca a cablare le nostre città, se poi le linee dedicate Isdn ad alta velocità sono intasate? I sindaci possono intervenire sui patti territoriali, sui contratti d'area. Questa è la strada".
Dunque niente addio al rigore di Maastricht?
"Lo sviluppo nel rigore, piaccia o no, è la strada che seguiremo. Il Sud ha un problema di quantità di lavoro, lavoro che manca. Il Nord, il Piemonte, il Nord Est, hanno invece un problema di qualità del lavoro. E' vero, è possibile trovare un posto anche a quindici, sedici anni. Ma se quel ragazzo lì, che lascia la scuola per uno stipendio, non lo qualifichiamo, non lo rendiamo capace di competere con i suoi coetanei tedeschi e francesi, rischiamo di ritrovarlo a 35 anni disoccupato, frustrato e deluso. Il posto fisso, per tutta la vita, non esiste più. La scuola, le aziende e gli amministratori locali devono dare ai ragazzi una formazione polivalente, capace di durare nel tempo e di far trovare poi occupazione, sia nel pubblico che nel privato. Il mondo occidentale ha già fatto questa scelta. Tocca a noi colmare ritardi pericolosi".
D'Alema ha parlato di aria di recessione. Un pericolo per il nuovo patto sociale?
"La situazione è difficile, ma pensi anche alle novità positive, al G7 che apre un credito di 150.000 miliardi per i Paesi più in difficoltà. Il nuovo vertice europeo di sinistra concorda: è stato un successo raggiungere la stabilità economica di Maastricht, ma ora l'equilibrio deve diventare più giusto e più forte".
Al governo l'uomo simbolo del rigore resta il ministro Ciampi. Vedremo Ciampi contro Bassolino, bilancio contro sviluppo?
"Solo chi non conosce il rapporto umano e politico che ho con Carlo Azeglio Ciampi può commettere l'errore di contrapporci. Ho parlato di equilibrio tra rigore e sviluppo. Se Ciampi diventasse sinonimo di rigore e Bassolino di sviluppo saremmo tutti nei guai, governo e Paese. Guai se le sinistre d'Europa tornassero al passato, alla vecchia ricetta. Ho visto con i miei occhi, al Nord e al Sud, che cosa hanno significato deficit, inflazione, economia pubblica, piani di intervento burocratici. Il lavoro lo creano le imprese. Al Sud dobbiamo permettere che sorgano imprese, piccole e medie, capaci di metterci in competizione con il mondo. Stare in mare aperto è difficile: ma la spiaggia statalista ci impoverirebbe".
Sedici milioni e ottocentomila disoccupati in Europa. Da noi, secondo il professor Gallino, "un milione e trecentomila posti di lavoro scomparsi in tre anni" e un altro paio a rischio. Chi rappresenterà la generazione perduta, che a trent'anni non ha mai visto una busta paga, nel suo patto sociale?
"E' stato un periodo lungo e terribile. Intere generazioni di giovani non conoscono il lavoro come dignità e identità. Oggi però disoccupato è una parola che comprende tanti personaggi diversi: il senzalavoro da sempre; chi compie mille diverse mansioni; il laureato piccolo borghese che, magari, è stato un protagonista nelle attività civili delle metropoli, ma non riesce a trovare un posto. Pensi invece a come, negli Stati Uniti, la convergenza pubblico-privato ha sviluppato zone che non erano meno arretrate del nostro Sud. Io non posso chiedere alle aziende: investite in nome della solidarietà, parola bellissima ma che non si mette in bilancio. Posso però proporre: investite con un ritorno economico e morale. Investite non come una buona azione, ma per difendere il comune interesse nazionale. Altrimenti la frustrazione di chi non ha futuro si scontrerà, nelle città, con i nuovi poveri. Con gli emigranti".
La Confindustria chiederà duttilità, per lavoro e salario, al Nord e al Sud. Il sindacato difenderà i suoi iscritti. Si alzerà lo spettro delle "gabbie salariali". Come difenderà allora la sua proposta?
"Dirò che non accetto slogan. Nessun tabù, da solo, risolve il problema. Il governo può dare un contribuito costruendo un'infrastruttura, un'autostrada, ma, al tempo stesso, privatizzare un aeroporto, come ho fatto a Napoli. Con certezza del comando: un solo responsabile a Roma, uno in periferia, a Salerno o Reggio. Basta con i mille controlli burocratici. Basta con gli incentivi talmente complessi da restare non riscossi. Niente deve diventare un alibi, né il costo del lavoro, né la mafia, né la flessibilità. Si tratta su tutto, nell'interesse di tutti".
A proposito di Napoli, se la caverà col doppio lavoro, sindaco e ministro?
"Dissi già di no, due anni fa, al mio amico Prodi. Adesso posso farcela. A Napoli c'è un nuovo gruppo dirigente e serve lavorare anche a Roma. Ora devo andare, mi scusi: vado al cimitero, dai miei genitori, come ogni anno".
Gianni Riotta
See related topics and documents