Massimo D'Alema
Summer 1998
Globalization, Totem and Taboo of the Left
ROME -- It is up to the left to understand how much of the history, identity and social democracy of the 20th century remains vital, despite the overwhelming changes taking us toward the third millennium. We must recognize, with moral and intellectual honesty, that a part of the heritage of ideas and policies on which the left has built its identity is disappearing with the close of the century. This is not a proof of weakness, nor the sign of a defeat, but, on the contrary, an element of vitality.
Breaking with the past means looking at the problems of the economy, of labor and of social security with a modern idea of regulating the markets, integrating the weakest members of society to safeguard a renewed social cohesion, and firmly establishing democratic institutions able to contain destabilizing pressures or the reappearance of authoritarianism. This set of arguments has not only kept its political strength intact, but has imposed itself beyond the traditional base of the left as the only governing strategy of developed societies.
The basic point is therefore that the forces of the left and of social democracy are again showing that they are capable of planning the future, as creative forces and with a constant striving toward innovation and change.
A modern left that wants to attract energetic, young and untried forces can not tarry in analysis and nobly conservative positions. For this and other reasons, it is necessary to rediscover a universal vocation for the culture of the democratic left, one that is not just Eurocentric but that broadens its political and strategic horizon to forces and movements in Africa, Latin America and Eastern Europe.
THE LEFT AND GLOBALIZATION In the left a real, profound confrontation is taking place in which some see globalization as an apocalyptic scenario and paint a highly pessimistic picture of future prospects. This is understandable if we look at globalization exclusively from the point of view of male, middle-aged job-holders who live in Western Europe and are protected by their conquests, their acquired rights and contracts in the welfare state. These are all important conquests of civilization, but they belong to a very small minority of the human race. Arguing as they do, one ends up with the idea that there is no option but to build up our defenses and merely resist advancing reality.
Instead, the left has the duty of optimism of the will. We must have a more open view of the globalization under way. Of course, it is a process full of profound contradictions; it breaks up labor compared with the aggregate forms of Fordism, but it also broadens the field of production and the market to an extent never before achieved.
Far from Europe, in other parts of the world, globalization means, among other things, millions of new jobs in industry and a better standard of living. There is no doubt that this comes about through dreadful injustices and hateful forms of exploitation: On the other hand, industrialization in the West came about in the same way.
Globalization brings Chinese or Brazilian workers in contact with roughly the same technologies and the same productive processes which workers in the great capitalist metropolises have. This is the process whereby, in a few years time, the seven most industrialized countries may include countries like Brazil, South Africa or China.
Economic globalization, in short, must be accompanied by the globalization of rights. In the East trade unions are being founded, workers' struggles are going forward, a greater need is felt to affirm rights, as has happened in Korea.
So today we are living in an extraordinary period: the left is victorious in old Europe and in addition is experiencing an unexpected expansion in the world. All this was not foreseen after the end of the Communist movement and at the time when people were formulating theories about the end of history. It was not taken for granted that there would be a growth of the left or reformist and democratic inspiration, which has its driving center not only in Europe, but also in Africa (with Nelson Mandela, the Frelimo and MPLA) and in Latin America. Brazilian President Fernando Henrique Cardoso is a good case in point.
THE ITALIAN LEFT AND ITS CHOICE OF EUROPE The choice of Europe cannot be called into question: Heaven forbid that the left should let itself be fascinated by the idea that it would suit us to halt or slow down the unification of Europe. None of the criticisms we make of the way in which European unification is proceeding can be positively solved by slowing down or halting the process.
Either the left will be able to help the growth of supranational institutions and powers, or politics will count for nothing and we shall toy with provincial disputes and the illusion that it is possible to operate outside the unification process, perhaps reintroducing old remedies like supporting employment by increasing public expenditure and taxes. That used to be done many years ago but would no longer work because the result would be rising inflation, higher interest rates, the flight of capital, the growth of unemployment and financial bankruptcy.
The forces of the European left, therefore, must work for a construction of European unity which, beyond any narrowly economic oversimplification, can cope with the creation of a society in which social well being is extended to the part of the world that is still excluded from every benefit.
THE NEW FRONTIER OF REFORMISM I Today we have to think of a left capable of promoting a world-scale movement to impose, for example, a tax on world capital mobility, the "Tobin tax" (named after the United States democratic economist's idea of regulating mobility and building on this base a world fund in favor of the poorest countries).
It is crucial that the processes of regional integration should promote liberalization and at the same time the regulation of world trade. To succeed in applying a form of taxation on world capital movements is a decisive challenge for the left. Otherwise we shall be obliged to surrender to the idea that fiscal systems will have to almost exclusively tax consumption, because it is undeniable that those who have most consume most. The only alternative is to be subject to increasingly iniquitous and damaging tax systems that end up penalizing productive investment and labor and encouraging financial speculation.
Clearly we should not demonize mobility. It is a great factor in the allocation of resources toward the most dynamic points of development. But we should take into account the fact that mobility of capital also reduces certain privileges of the rich countries: Once again, the line between the defense of our values and the defense of our privileges is very faint.
Technological innovation and the information revolution comprise a great social revolution and an extraordinary change in labor and its forms of organization. Ail this throws into crisis the European welfare model, which is the most advanced model of social compromise ever built in the world, shifting resources through the national state from profit to employment, social security, health and education.
The real defense of these conquests is beyond the horizon of the national state. If the reply were restricted to the horizon of the national state, the game would be lost immediately: It would be like fighting atomic missiles with bows and arrows.
If the left fails to tackle the problem of the reform of the welfare state in Italy and in Europe, it will find itself faced with a clear- cut alternative: being marginalized and leaving the task of cutting that social model into pieces to the conservatives.
WORK FIRST The starting point for Italy is that it is the only big European country that has no form of dole. In this country there are people who retire before they are 50 with three or four million lire a month; others who lose their jobs have the wage integration fund, which guarantees them a dignified wage; and then there are young southern graduates who at the age of 27 cannot find work and have nothing.
To create work in this country one of the sectors to invest in is the environment and the enhancement of the cultural and artistic heritage. Then there are personal care services, the third sector, so highly developed in the US, which could be one of the cornerstones for the reform of the welfare state and a resource for employment.
Welfare should not be seen as a ball and chain: It is a great opportunity for creating jobs, for making public administration less bureaucratic and for overcoming paralyzing centralism.
A labor policy today has to include four great chapters: environment, personal services, technological innovation - particularly in the field of the communications society-and the use of free time.
Where mass underemployment is interwoven with underdevelopment, the great problem of development remains. If it is true that a development process in itself does not determine an increase in industrial employment, then it is the competitiveness of the system that provides the strength to support an employment policy.
Italy has the resources to take up and win the challenge of development. Just one example: The third sector can become a symbol of modern reformism in Italy. In Italy voluntary work, associations, cooperation and social shareholdings are a very significant reality, which has great potential and profound roots. On this ground, left-wing tradition and Catholic tradition have met and intertwined in many common experiences, and today they have the potential to build economically competitive experiences. The use of new means of communication and new technologies can be mingled to create a welfare network and new forms of assistance. Where these have been tried out they have led not only to an improvement in the quality of life and human relations, but also to a reduction in hospital costs.
In reforming the state Italy can enhance the "intermediate institutions" and the instruments of self- government. The idea of federalism-- not only of the regions, but of the towns and provinces -- can create work and development possibilities.
These are the challenges we have to take up, aware that we cannot succeed alone. These are challenges for which we have to put together the ideas, the experiences and the debate taking place within a great European left capable of competing in the global market of politics.
Massimo D'Alema
Last month, April 1999, five western leaders -- Bill Clinton, the US president, Tony Blair, the British Prime Minister, Gerhard Schroeder, the German chancellor, Wire Kok, the Dutch prime minister, and Massimo D'Alema, the Italian prime minister -- gathered in Washington to discuss the Third Way.
D'Alema: The Third Way, in my opinion, is a major cultural challenge, first of all. In the course of this century, we have experienced open democratic societies -- very dynamic ones, very competitive ones. But these societies also have suffered a sickness -- social injustice. In these societies, it is easy to race towards success, but at the same time in these societies, those who do not make it dropped out, and they are left at the margins.
At the same time we've had other experiences, societies that were able to develop systems of solidarity and social protection, but through heavy bureaucratic systems in such a way that these systems have, in fact, slowed down development, dynamics and the possibility of attaining success.
The Third Way is the effort to find a meeting point between the positive aspects of these two major experiences. Is it possible to have a dynamic economics and the society based on solidarity? I think it is. But this is a challenge...
I think that this approach to the issue has also got something to do with the question of the dialogue between Europe and America. America, after all, has been and is the great dynamic country... Europe in different ways has experienced systems of solidarity... For geographic reasons maybe, Tony Blair is a sort of bridge between these two cultures and these two experiences. But I think this is an important and positive role to play. And I think he is performing this role, and will perform this role, effectively if he involves the whole of the European left in this dialogue. This is a problem ... I think we Europeans should not be divided. I think we should move towards this new cultural challenge united...
D'Alema: I think one of the greatest social issues in our society... is how to reorganize the relationship between work and family in a freer way. The relationship between work and time, the time we use for our own personal life, for our family life, for the people we love, for the things we love to do -- our hobbies -- and the time we use for our education...

ECCO PERCHE' CREDO NEL PROGETTO BLAIR
di MASSIMO D'ALEMA
da La Repubblica del 10/09/98
CARO Direttore, vorrei spiegare il senso e il contenuto del mio incontro di martedì scorso con Tony Blair. Sento il dovere di farlo anche per fugare la sensazione che io sia andato a Londra per litigare con il Primo ministro britannico. Al contrario, l'incontro ha segnato una convergenza significativa di giudizi e di iniziativa: è una convergenza che credo sia importante per la sinistra europea.
Non si tratta, d'altro canto, di una novità. Ricordo che quando conobbi Tony Blair, egli era il leader dell'opposizione. Anche noi eravamo all'opposizione della destra vincente.
GLI illustrai il progetto di costruzione di un'originale alleanza di centro-sinistra per l' Italia, che egli apprezzò. Fu lui il primo leader socialista a venire a Roma all'indomani della vittoria dell'Ulivo, anche per sottolineare il segnale per l'Europa e non solo per l'Italia che assunse la svolta del 21 aprile del '96.
Poi la sinistra rinnovata vinse in Inghilterra, in Francia e in altri paesi. Se le elezioni tedesche confermeranno questa tendenza, l'Europa si troverà in una situazione senza precedenti, ed il socialismo europeo si troverà di fronte a responsabilità e possibilità che mai ha conosciuto nella sua storia.
Blair ha dato e dà un contributo importante di forte segno innovativo a questa nuova stagione della sinistra in Europa. In particolare oggi egli è impegnato nella ricerca di un orizzonte più ampio, di un dialogo e di una collaborazione tra forze di diversa tradizione che si riconoscono nel centro-sinistra oltre i confini tradizionali del movimento socialista. In questa prospettiva, come è ovvio, assume un peso centrale nella iniziativa di Blair il tema del rapporto con il partito democratico degli Stati Uniti e con il presidente Bill Clinton. Credo che non sia difficile comprendere che noi democratici di sinistra italiani ci sentiamo non solo di condividere questa politica, ma in qualche misura di essa siamo stati e siamo anticipatori e protagonisti.
Non per caso l'esperienza italiana è considerata da Blair come una di quelle che si muovono nel senso di un moderno centro-sinistra. Il fatto che Romano Prodi sia stato invitato a partecipare al seminario di New York del prossimo 21 settembre non è soltanto un riconoscimento, che ci fa piacere, alla sua persona, ma è anche una scelta importante per il nostro paese e per la nostra politica che ha fatto della sinistra la forza fondamentale del governo dell'Italia.
Ma l'incontro di martedì non è stato soltanto l'occasione per ribadire questi elementi noti di convergenza, ma anche per chiarire equivoci che rischiano di essere negativi per il socialismo europeo e per la stessa iniziativa di Blair.
È noto infatti che da qualche parte si è cercato di far credere che questa iniziativa abbia lo scopo di dare vita a un nuovo organismo internazionale, con l' obiettivo di contrapporsi o di superare le organizzazioni esistenti, e quindi l'Internazionale socialista. Ora, è evidente che la questione non è meramente organizzativa, ma che si pongono due grandi problemi politici di fondo.
Il primo riguarda il rapporto tra Europa e Stati Uniti, il cui futuro non può che essere profondamente influenzato dal modo in cui si sviluppano il dialogo e la collaborazione tra sinistra europea e democratici americani. Credo non sia interesse di nessuno accreditare l'idea che l'iniziativa presa da Blair consista nel rilancio di un rapporto privilegiato - per altro tradizionale - tra Gran Bretagna e Stati Uniti, in contrapposizione al processo di integrazione dell'Europa continentale e alla nascita della moneta unica europea.
Sarebbe un gravissimo errore contrapporre un "asse Blair- Clinton" a un "patto Jospin- Schroeder", come si pretende da qualche parte. Sarebbe un errore per gli equilibri internazionali, per la sinistra, e per il nostro paese che ha un interesse vitale all'unione europea e a un' Europa sociale e del lavoro, e insieme ad una forte amicizia e collaborazione con gli Stati Uniti.
Io vedo l'iniziativa di Blair come un ponte tra socialismo europeo e democratici americani, e in questo senso sono convinto che riusciremo a superare incomprensioni e diffidenze. Devo dire che Tony Blair si è mostrato consapevole di questo problema, assai netto nel riproporre l'indirizzo europeista della sua politica, seriamente intenzionato a lavorare per l'unità del socialismo europeo nella sua comune responsabilità di governo.
L'altro grande problema riguarda la sinistra e tocca un aspetto essenziale della nostra prospettiva, che intendiamo chiarire anche con il prossimo congresso dei Democratici di sinistra. Pongo la questione nel modo più chiaro: la sinistra, per rispondere alle sfide del presente, deve rinunciare a se stessa? Questo è il tema. È chiaro che questo tema ha un rilievo del tutto particolare in Italia per ragioni comprensibili che nascono dalla storia peculiare della sinistra italiana. È per questo che mi capita di avvertire - con una irritazione di cui chiedo scusa - in un certo modo provinciale di affrontare grandi problemi internazionali, la proiezione su scala planetaria di dibattiti e di conflitti veri o presunti che riguardano esclusivamente la politica del nostro paese. È evidente infatti che nessuno dei grandi partiti del socialismo europeo intende sciogliersi, così come è impensabile che l'Internazionale socialista si disponga a dissolversi in un improbabile "Ulivo mondiale". Molto spesso i nostri interlocutori stranieri, digiuni delle fantacronache del nostro "Palazzo", non capiscono neppure il significato di certe formule e allusioni.
Ma, lasciando da parte le polemiche, voglio dare con chiarezza la mia risposta all'interrogativo che ponevo poco prima. E la mia risposta è no. La sinistra per rinnovarsi e per costruire con altre forze e culture democratiche una nuova prospettiva non ha bisogno di sciogliersi, di rinunciare alla sua identità, alla sua autonomia politica e ideale. Anzi, solo chi abbia il senso forte e orgoglioso della propria identità può aprirsi ed essere utile agli altri. Per questo non vedo alcun contrasto tra la forza crescente dell'Internazionale socialista e del socialismo europeo, da un lato, e, dall'altro, la ricerca in corso di un orizzonte più ampio e di un impegno comune con altre forze. E per le stesse ragioni non vedo alcun conflitto tra il consolidamento dell'Ulivo e la crescita in Italia di una grande forza della sinistra europea.

L'Europa in soccorso
dei paesi poveri
di Tony Blair e Massimo D'Alema
da La Repubblica del 20 Febbraio 2000
LA RIDUZIONE del debito è una priorità globale. Siamo convinti che l' Europa, quale principale donatore mondiale, debba assumere nettamente la guida delle iniziative in questo campo, dando finalmente un chiaro esempio.
Ci troviamo, infatti, di fronte a un problema cruciale per l'equità internazionale, per la pace e la sicurezza nel XXI secolo. È il problema di come "liberare" i paesi più poveri del pianeta dall'eredità negativa del debito, che continua a ostacolarne la crescita. In modo da riuscire a stabilire un circolo virtuoso fra riduzione del debito, riduzione della povertà e sviluppo economico.
La Gran Bretagna e l'Italia stanno collaborando strettamente, dallo scorso anno, per persuadere i paesi sviluppati ad affrontare urgentemente il nodo della riduzione del debito dei paesi più poveri. Poiché siamo entrambi paesi avanzati, ciò fa parte delle nostre responsabilità; ma rientra anche nei nostri interessi.
Il benessere, la sicurezza e l'accesso alle opportunità devono diventare beni comuni. Aiutando i paesi più poveri - e stiamo cominciando a farlo in modo concreto, con la decisione di cancellare quest'anno 100 miliardi di dollari di debito - aiutiamo anche noi stessi. John F. Kennedy ha detto, con una frase ricordata spesso, che se il mondo non sarà in grado di salvare i molti che si trovano in condizioni di povertà non potrà neanche salvare i pochi che si trovano in condizioni di ricchezza.
L'OBIETTIVO globale che l' Italia, la Gran Bretagna e altri paesi si sono prefissi è di riuscire a dimezzare il numero di persone che vivono in condizioni di povertà entro il 2015. Questo obiettivo va indirizzato anzitutto alle fasce più deboli e più bisognose di aiuto: i 30.000 bambini minacciati ogni giorno di morte a causa di malattie che pure saremmo in grado di prevenire. Si tratta di 30.000 bambini che fanno parte di quel miliardo di persone in povertà nei paesi più indebitati.
Con il vertice del G8 dello scorso anno, l'Europa ha assunto finalmente un ruolo guida nelle iniziative per liberare i paesi poveri dalla catena del debito. I primi tre paesi che ne hanno beneficiato, quest'anno, sono l'Uganda, la Bolivia e la Mauritania. Entro aprile, altri dieci paesi poveri, inclusi la Tanzania, il Mali e il Benin, beneficieranno delle stesse misure. E speriamo che entro l'anno il numero dei paesi aumenti a 25.
La riduzione del debito deve rendere possibile l'avvio della crescita economica in questi paesi. E le risorse risparmiate dovranno essere utilizzate per ridurre la povertà.
Alla fine dell' anno scorso, l'Uganda ha annunciato che ogni lira risparmiata tramite la riduzione del debito sarà utilizzata in un programma di istruzione: l'obiettivo è dimezzare il rapporto insegnanti/alunni (da uno a cento a uno a cinquanta) e di costruire nuove scuole elementari per tutti i bambini. Questo è un esempio di una riduzione del debito efficace: scuole sufficienti, classi con un numero di insegnanti sufficiente e alunni con i mezzi sufficienti per studiare.
Non si tratta soltanto di una promessa del governo ugandese: è la conseguenza delle condizioni (rispetto dei diritti umani, investimenti nell'educazione, riduzione delle spese militari, etc.) che i paesi beneficiari della riduzione del debito dovranno osservare. Vogliamo garantire, infatti, che le risorse risparmiate attraverso la riduzione del debito non continuino a essere bruciate dalla corruzione, dalla burocrazia o dall'acquisto di armi; ma siano, invece, destinate alla salute, all'educazione e alla riduzione della povertà.
La strategia per la riduzione del debito richiede, quindi, una nuova alleanza contro la povertà fra paesi ricchi e poveri. Seguendo l'ispirazione della campagna lanciata dalle chiese e dal mondo del volontariato, i paesi del G8 hanno approvato a Colonia sia il principio di una accelerazione della riduzione del debito che la messa a punto di un piano finanziario dettagliato, che comincia a essere attuato. L'Italia e la Gran Bretagna sono state due partner-chiave nella guida di questo processo.
META' del debito globale è dovuto a organizzazioni internazionali come il Fondo Monetario e la Banca Mondiale. Questo gap finanziario va colmato con nuove risorse. La Gran Bretagna, l'Italia e il Canada hanno dato un contributo particolarmente significativo in questa direzione, anzitutto nei riguardi del Fondo monetario. Nel caso della Banca mondiale, l'Europa ha assunto due importanti iniziative: anzitutto, un contributo dell'Unione europea pari a 680 milioni di euro, e successivamente un contributo extra di 260 milioni di dollari al Trust Fund della Banca. La Banca mondiale, dal canto suo, dovrebbe contribuire con ulteriori risorse, così da arrivare a raddoppiare questa cifra.
In totale, la Gran Bretagna si è impegnata, fino a oggi, a versare 385 milioni di dollari al Trust Fund, ed è quindi il donatore principale.
Dal canto suo, l'Italia si è quest'anno impegnata a destinare ai canali multilaterali, per la cancellazione del debito, oltre 2000 miliardi di lire; il governo ha poi presentato un disegno di legge per la cancellazione unilaterale del debito, per una cifra pari a 3000 miliardi di lire, nei confronti dei paesi con un reddito pro- capite inferiore ai 300 dollari.
Avendo raggiunto, alla fine del 1999, l'obiettivo di garantire finanziamenti multilaterali, è infatti venuto il momento, per l' Italia e la Gran Bretagna, di compiere dei passi in più, eliminando il debito bilaterale dei paesi più poveri.
Il nostro impegno a cancellare il 100% del debito di questi paesi vuole anche essere un incoraggiamento agli altri paesi creditori, in Europa e altrove, a seguire la stessa strada.
La riduzione del debito, d'altra parte, conseguirà i suoi obiettivi solo se diventerà parte di un programma più complessivo di riduzione della povertà e di sostegno allo sviluppo economico.
L'anno che si è appena concluso ha visto una prima svolta, netta e decisiva, nelle politiche internazionali di riduzione della povertà. Per la prima volta, politiche economiche e strategie per la riduzione della povertà sono concepite in modo unitario. Verrà coinvolta a fondo la società civile dei paesi beneficiari: sarà la gente a gestire direttamente i programmi contro la povertà.
NEL 2000, sia il Fondo monetario che la Banca mondiale dovranno definire assieme in che modo politiche macroeconomiche, riforme strutturali e programmi di riduzione della povertà possano interagire, generando crescita e riducendo il numero delle persone in povertà.
Al momento attuale, solo il 3% degli investimenti diretti nei paesi in via di sviluppo va ai paesi più poveri e indebitati. Per incoraggiare la creazione di un circolo virtuoso fra riduzione del debito, riduzione della povertà e sviluppo economico, dovremo aumentare, quest'anno, sia gli investimenti privati che pubblici in Africa e nei paesi più poveri.
Nel 1945 i fondatori del Fondo monetario e della Banca mondiale dichiararono che il benessere, così come la pace, era indivisibile; e che non potevamo quindi permetterci una distribuzione troppo iniqua della ricchezza, a vantaggio di alcuni pochi fortunati e a spese degli altri. Mezzo secolo dopo, le nazioni più ricche hanno finalmente accettato le loro responsabilità nei confronti delle popolazioni più povere del mondo.
Ma dobbiamo raggiungere risultati molto più solidi. La riduzione del debito è solo un passo, anche se cruciale, di una strategia più complessiva di riduzione della povertà e di riforma economica. Il compito dell'Europa è di trasformare la buona volontà in cambiamenti reali.
L'Italia e la Gran Bretagna sono determinate a lavorare insieme nelle sedi internazionali per raggiungere tali obiettivi.