1.1.4.9.2 Tony Blair
Summer 1998
On the "Third Way" and Cool Britannia
NPQ It strikes me that you sometimes regard the Democratic presidency in the United States as the cornerstone of what New Labor is all about, a yardstick of what New Labor is able to accomplish and even a precondition for the achievement of your goals. Am I right?
BLAIR I believe that the modern European social democratic parties and parties of the left have a lot in common with the US Democrats.
That's not to say we don't come from different political cultures and there aren't different policies, but we're all tackling the same problems of economic and social change, of globalization, of family disintegration, of community breakdown and of social exclusion. And many of the solutions that will be adopted will be similar.
I'm not suggesting that we get rid of the Socialist International or any of the rest of it, but I do believe it's time for a dialogue of ideas with the US Democrats, with other people, for example, like President Fernando Henrique Cardoso in Brazil and with the Olive Tree Alliance in Italy.
The world is moving closer together politically. I know it sounds like a strange thing so say, but if you sit down with the Chinese prime minister and start to look at the problems of their public sector--while it is completely different, some of the ideas and principles of what must be done are basically the same.
In China or Britain or the US, we are all trying to provide an efficient set of public services without spending large sums of money on things we don't need. Some of the questions of governance today are the same the world over, and it is just plain foolish of us not to recognize that the American Democrats have got a contribution to make in that area without undermining the institutions that have grown up in Europe and elsewhere around the world.
NPQ In what ways might you take that forward? Is it an institutional question?
BLAIR Well, it's best, certainly to begin with, if it's done on the basis of a dialogue of ideas.
Let us start with problems that are part of the changing picture of the center-left everywhere in the world. Take financial prudence and respectability. Not exclusively, but toa significant degree, it is the parties of the center-left that are implementing prudent policies today-- the US Democrats, the British Labor Party, the Olive Tree alliance in Italy.
The same is true (of the left) in Portugal and in Holland. In France there is a very strong monetary policy. Around the world, financial prudence is now something that the left is very strongly associated with.
It is also now accepted everywhere on the left that technology, education and skills are the basis of employment in the modern world. On crime, a common theme is that you have to have a strong criminal justice system but also tackle the causes of social exclusion.
The notion that you need to reform the welfare provision that grew up after the World War II is, again, a common theme.
The notion that you have to be internationally engaged rather than isolationist is also accepted by the left.
What I think is sensible for us, therefore, is to throw the solution to these problems open to debate and say, "Let's talk about it, let's discuss it and learn from one another."
NPQ It was reported recently that you held a seminar with a group of intellectuals to discuss the idea of "the third way." Does this mean you are still trying to formulate the idea?
BLAIR No. My view of this idea is very, very clear. That there is not only a new way between the politics of the new right--laissez faire, leave everything to markets, social indifference--and the politics of the old left--state control, run everything through the center -- but that there is also a way forward between the old principled left and the pragmatic left that sought change gradually.
The idea of the "third way" is an attempt to say there is a principled position which is also entirely sensible. You can take the values of the left--social justice, solidarity, community, democracy, liberty--   and recast them for the new world.
I think you can see very clearly the outlines of the third way in each of the various areas of policy. On the economy, for example, it means embracing globalization as inevitable and also as desirable, actually, in terms of greater trade and international exchange.
It means the role of government is not to pile up big budget deficits and hope for the best, but to run a prudent financial policy and combine that with government intervention to equip people and business to survive and compete in this new global market.
In other words, the "third way" is not about resisting change or simply leaving it to laissez faire, but saying to people that we will equip you for the change.
NPQ Yet people are afraid for their security because of the changes that are a consequence of globalization.
BLAIR I agree. What, then, is the answer to security? In a very traditional sense, I would say active government, but in a very modern sense, I would say the activities of government shouldn't be designed to prevent firms from competing in the global market. That is not an intelligent response. In the end it won't work because the global market is upon us.
If you try to shelter companies from the global market, then all that will happen is that they may survive for a few years, but then they will go under. What you can do is to equip them and the individuals working for them better to survive the rigors of that global market. That, to me, is the third way.
The reason why New Labor gets so much publicity abroad, why our program is better known among most European Socialist and social democratic parties than those of most of our counterparts, is precisely because it does have echoes.
NPQ On welfare reform, for example, can you make headway without the big political rows that you want to avoid?
BLAIR It's very difficult. There will be rows about it. My case to my own party is that if we don't reform the welfare state, the Tories will come and dismantle it. And the public won't accept the status quo because they finance it, and it isn't working properly.
The British public is not going to finance a welfare system that doesn't encourage people to get off benefits and into work. They are not going to finance a system in which billions are eaten up in fraud.
So either we reform it, or people will dismantle it. The third way is for reform, not for status quo or dismantling. That is the intelligent choice. And that is what the Democrats have been aiming for in the US. It's what the Dutch government has done. The Italian government is now putting through welfare reform. Lionel Jospin, the French premier, said the other day that young people must get off benefits and into work.
Everyone's grappling with this.
NPQ Part of your idea is internationalism, not isolationism. How anxious are you about pressures for American isolationism and about pressures for detachment from Europe specifically?
BLAIR My constant worry is that the forces of isolationism will gain the upper hand either in Europe or in the US. It would be disastrous for both continents if that happened. There is no future in isolationism in this world. We have to be internationally engaged. The United States has a very, very serious role to play, and I say that part of Britain's role and function is to be a bridge between the US and Europe, to say to Europe, "Recognize the value of American leadership in the world," and to say to the US, "Believe me, people do value your leadership. Don't think that some of the carping and criticism that you get reflects the view that people don't want America engaged, because it's not true."
NPQ Do you find yourself driven to support American foreign policy in circumstances where you might otherwise be more skeptical because you fear that other countries are being more overtly independent?
BLAIR I'm not sure that I may not find myself in that situation at some point. But so far I have not, because I've actually agreed with what's been done. If America and Britain hadn't made it quite clear, supported by other countries, that Saddam Hussein wasn't going to get away with breaking the UN sanctions on developing weapons of mass destruction, does anyone seriously believe that those inspectors would be in there now doing their job?
Now we both came in for a lot of criticism around the world for doing it, but I don't know anyone who can seriously say that the diplomatic solution would have worked unless it had been backed up by the use of force. So when I see American leadership in the world, I believe it to be a positive force for good. I believe that. I think it's right. Basically, it is a force for good.
Cool Britannia
NPQ Britain is fashionable again. People talk about "Cool Britannia." You encourage this. What is your aim here?
BLAIR I never coined the phrase "Cool Britannia," actually. It was Newsweek magazine that did that. But the idea that's behind it--which is that Britain is an exciting, dynamic place to be--is not a thing I'm ashamed of. I'm proud of that.
The British have many great qualities, but one thing I can never quite understand is how we can be incredibly cynical about ourselves. A bit of healthy self- deprecation is fine, but only up to a point.
I think it's entirely good that people want to come to Britain, that they look at Britain in a different way and, I hope, are thinking of Britain as a country with a great future, as well as a great history. That's something we should be out there shouting from the rooftops.
That people attack us for doing a lot with the design, creative industries and new technology industries--this is just a form of economic snobbery. These design and creative industries in Britain today are huge, multibillion-pound businesses, employing hundreds of thousands of people.
If I got up and had a debate about the British coal industry, which is important to Britain but employs now just a few thousand workers, people would think that's an entirely intelligent thing to do. But when you talk about the design industry, people think there's something funny about it even though that is where the future is for a lot of people.
You meet a lot of the young people coming out of college--they are setting up their own businesses now in Britain. They are into different types of systems and ways of working. This is all very different from the past and we should be happy about that.
People can say what they want about it, and I wouldn't really listen. I find that's increasingly my attitude as I go on. I don't mean this to sound arrogant in any way, but in the end you've got to say, if you're leading a political party or a country, "Look, this is what I believe. This is what I'm about, and it's entirely up to you whether you support it or not. That's your decision."
Tony Blair

Articoli che segiono:
LA TERZA VIA PUÒ VINCERE, La Repubblica, 19/11/99
BLAIR: "LA MIA TERZA VIA? SOCIALISMO E SOLIDARIETÀ", La Repubblica, 21/11/99
________________________
LA TERZA VIA PUÒ VINCERE
di TONY BLAIR
da La Repubblica del 19/11/99
NEGLI ultimi due anni in Europa si è stabilita una nuova generazione di governi di centro-sinistra. Sebbene i rispettivi successi elettorali siano principalmente stati il risultato di specifiche circostanze nazionali, questa nuova generazione presenta alcune caratteristiche comuni. Sappiamo di vivere in un mondo in continua evoluzione e, in qualità di politici, riteniamo che sia nostro compito cercare di stimolare i nostri partner e non tanto i nostri avversari a rivedere le proprie posizioni. Per avere successo in questo compito dobbiamo continuare a sostenere quelle riforme che contribuiranno alle sfide tecnologiche, economiche e sociali del futuro.
PER promuovere il progresso dell'Europa dobbiamo combinare il dinamismo economico alla giustizia sociale, che anche in futuro dovrà rimanere la nostra convinzione di base.
Poco dopo la sua nomina a Cancelliere, Gerhard Schroeder è venuto a Londra. Abbiamo deciso di costituire un gruppo di lavoro mirato a mettere a punto una strategia per raggiungere l' obiettivo sopra descritto. Si trattava di sintonizzare reciprocamente i concetti di "terza via" e "nuovo centro" che avevamo già elaborato individualmente.
Per quanto riguarda la questione della modernizzazione socialdemocratica nonché gli approcci di riforma economica di Gran Bretagna e Germania abbiamo individuato un'ampia base comune. Sia la "terza via" che il "nuovo centro" vengono spesso criticati (finora le critiche più severe provengono proprio dai loro ranghi). Ma in entrambi i Paesi questi concetti esprimono valori eterni e immutabili che ci hanno spinto a praticare attività politica e ci accompagnano di giorno in giorno. Fairness (equità) e giustizia sociale, libertà e pari opportunità, solidarietà e responsabilità verso il prossimo. A questi principi non potremo mai rinunciare.
I socialdemocratici odierni devono affrontare tre questioni che per i precedenti governi di centro- sinistra non avevano l' importanza attuale.
Primo: viviamo in un mondo di capitale globale e di rapido trasferimento delle conoscenze. Come governo, non possiamo garantire ai cittadini alcun benessere innalzando intorno a loro un muro che li protegga dalla durezza della nuova concorrenza. Ciò che possiamo fare è creare i presupposti per consentire loro di affrontare questa sfida. Non siamo liberisti del mercato, fautori del "laissez-faire" e pronti a dire ai cittadini che il futuro li travolgerà e che solo i più forti potranno sopravvivere. I socialdemocratici appoggiano un governo che persegue una nuova politica dell'offerta della sinistra: promuovere la concorrenza, riformare il sistema fiscale, investire in istruzione, specializzazione, scienza e infrastrutture, incentivare le imprese, valorizzare il lavoro, combattere le discriminazioni sociali, trasformare il sistema sociale da una rete di sicurezza delle rivendicazioni in un trampolino di lancio della responsabilità personale.
Secondo: il carattere dell'attività economica è in trasformazione, ci stiamo allontanando da un'economia della produzione di massa a forte impiego di manodopera verso un'economia "intelligente". Questa nuova economia offre opportunità immense. Offre all'Europa la possibilità di equipararsi agli Stati Uniti. Offre a milioni di persone la possibilità di cambiare occupazione, trovare nuovi posti di lavoro, apprendere nuove attività, iniziare nuove carriere, fondare e contribuire all'espansione di aziende, in breve: di realizzare il sogno di un futuro migliore. Ma per noi socialdemocratici deve essere chiaro che il successo della nostra "fairness agenda" potrà essere garantito soltanto sfruttando appieno e completamente il potenziale di quelle innovazioni e di quelle imprese che promettono crescita e occupazione. La rigidità e le eccessive regolamentazioni sono soltanto un ostacolo. Dobbiamo invece diventare più flessibili. Abbiamo bisogno di più imprenditorialità e disponibilità a rischiare. Le nostre imprese high-tech devono avere le stesse possibilità di accedere al mercato finanziario delle loro concorrenti statunitensi.
Terzo: l'esperienza ci insegna che non solo il mercato ma anche i governi possono sbagliare. Ecco perché non dovremmo fare riferimento all'errata politica degli anni '70, ma lavorare per una stabilità macroeconomica e un sano bilancio pubblico. Il governo dovrebbe essere in grado di autoriformarsi per eliminare gli ostacoli strutturali che impediscono il successo economico dell'Europa. La vecchia Europa ha dovuto ridimensionare le proprie tendenze. Con l'introduzione del mercato comune molti pensavano che l' Europa si sarebbe orientata verso un sistema fiscale e standard di lavoro comuni. Le condizioni economiche non consentono questa armonizzazione. Modernizzare il modello sociale europeo è senz'altro indispensabile ma oggi il compito principale consiste nel raggiungere l'obiettivo comune della riforma economica. Viviamo in un'Europa costituita da diverse classi sociali, in cui ognuno può imparare dal prossimo.
(Traduzione a cura del Gruppo Logos)
_______________________________________
Blair: "La mia terza via? Socialismo e solidarietà"
Intervista con il premier britannico sulle scelte che possono unire Clinton, D'Alema, Jospin e Schroeder 
di ANTONIO POLITO
da La Repubblica del 21/11/99
FIRENZE - La cosa che non ti aspetti in Tony Blair è l'imbarazzo. Eppure l'ho visto proprio arrossire ieri sera, quando, seduto in una camera con vista sull'Arno, appena sceso dall'aereo e prima di cambiarsi d'abito per la cena di Villa La Pietra, gli arriva la domanda che pure doveva aspettarsi, avendo accettato un'intervista con Repubblica.
Congratulazioni a lei e a sua moglie Cherie per la lieta novella. Ma questo bambino del Millennio che le arriverà in casa - ci dica - è inglese, francese o italiano? Fuor di metafora, dove è stato concepito?
I venti secondi di silenzio che seguono, lo sguardo che cerca disperato il suo portavoce, il lieve rossore, fanno parte del mistero di quest'uomo, che non sai mai se è così finto da riuscire a sembrare sincero, o così genuino da sembrare finto. "Bè, a dire il vero è una domanda un po' troppo personale. Credo che in definitiva dobbiate indovinarlo per conto vostro voi giornalisti, facendo il calcolo dei tempi".
Ma lei l'avrà già fatto questo calcolo...o no?
Risata liberatoria. "Certamente. Insomma, in realtà io credo che sia probabilmente britannico... ad essere sincero non so bene... In ogni caso, non proseguiamo questa discussione perché dovrei entrare in dettagli troppo imbarazzanti. Che cosa voleva chiedermi sulla Terza Via?".
Ci dica che cos'è, visto che la gente non sembra averlo capito bene, nemmeno nel suo paese.
"E' un nuovo tipo di politica per il centro-sinistra che non è né quella della vecchia sinistra né quella della nuova destra. Non mi aspetto che la gente ne discuta ad ogni angolo di strada o nei bar. Ma il fatto che un leader come Cardoso venga dal Brasile a discuterne, o Clinton dall'America, dimostra che questo dibattito è ritenuto importante".
Sul podio con lei a Firenze ci sarà oggi un premier italiano che è un ex comunista, un premier francese che si definisce socialista, lei che usa raramente questa parola, e Clinton che non la usa mai. O questa Terza Via è troppo larga per avere un senso, oppure è impensabile che siate tutti d'accordo.
"La spiegazione è che siamo finalmente usciti dal vecchio dibattito dei tempi della Guerra Fredda. Tutti i paesi moderni stanno affrontando le stesse sfide e gli stessi problemi. Tutti i loro leader, dunque, anche se con i background differenti che lei giustamente cita, in modi diversi cercano le soluzioni. Ciò che piuttosto mi sorprende sono le somiglianze tra il dibattito in corso nei democratici americani e quello nel Labour inglese, la discussione sulla modernizzazione in Germania, il tentativo in Italia di D'Alema di rifondare l'alleanza tra centro e sinistra che vinse le elezioni, lo sforzo francese di avere un'economia di mercato ma non una società di mercato... insomma le simili filosofie politiche".
Però D'Alema ha detto chiaro e tondo che lui si sente un socialista. Lei si definirebbe ancora un socialista?
"Sì, io mi definisco un sociali- sta... Ma se lei analizza le idee invece che le etichette, troverà che non c'è tutta questa differenza. Se va a una conferenza dei democratici in America e comincia a parlare di socialismo, bè, a loro non farà piacere. Per ragioni storiche. La gente in America pensa che socialismo sia uguale a comunismo. Nel partito laburista inglese, sino a qualche anno fa, se lei usava la parola social-democratico, diventava un traditore del laburismo. Oggi invece si può usare il termine socialista e quello socialdemocratico in modi pressoché interscambiabili. Socialista, socialdemocratico, democratico... gli aggettivi ormai non contano più tanto".
Talvolta i nomi contano. E' vero che lei ha proposto di cambiare quello dell'Internazionale socialista per aprirla ai democratici americani?
"Non è vero, non l'ho proposto. Comunque, avendo detto questo, aggiungo che non ci sarebbe assolutamente niente di male nel distinguere tra il vecchio tipo di politica di sinistra e le nuove politiche del centro-sinistra. Io penso che il valore fondante della sinistra è la solidarietà. Questo è ciò che ci definisce. Ma l'applicazione non è fatta di rigide ricette economiche, che possono non essere adatte ai tempi, e che cambiano".
Nel suo ultimo articolo Jospin ha detto che se la Terza Via è qualcosa in mezzo tra socialdemocrazia e neo-liberalismo, lui non ci sta. Non è proprio ciò che lei intende per Terza Via?
"No, io la intendo come una forma rinnovata di socialdemocrazia. Tutta la mia vita ho vissuto nel Labour Party inseguito dal sospetto che io non fossi un vero laburista perché non ero dove la stampa e la tradizione collocavano i laburisti, raffigurati come gente ostile all'impresa, favorevoli ad alte tasse, contro legge e ordine, tutte le posizioni che di solito portavano la destra a vincere le elezioni. In Gran Bretagna ho varato il più grande programma mai deciso per combattere la disoccupazione giovanile e l'esclusione sociale, che ha aiutato a creare 700 mila posti di lavoro, sostegni fiscali per i più poveri, l'introduzione del salario minimo garantito, ho dato riconoscimento legale ai sindacati. Tutto ciò mi rende di sinistra o di destra? Questi programmi sono perfettamente compatibili con le aspirazioni del popolo di sinistra. Anzi, se la sinistra non vara le riforme necessarie, allora sì che si trasforma in una nuova forma di conservatorismo".
Ma la sensazione in Europa è che lei ha ereditato le politiche della Thatcher.
"So che c'è questa percezione, ma è completamente e totalmente falsa. Le dicevo che il più grande incremento di spesa pubblica da noi varato è stato per affrontare la disoccupazione. Ma con questa grande differenza. Noi non stiamo dando più soldi in assistenza, stiamo dando l'occasione di trovare un lavoro, o di costruirsi le competenze professionali per averlo. Non credo che ciò sia imitare la Thatcher. Anche se dobbiamo essere onesti con noi stessi. C'erano cose che la destra ha fatto negli anni '80 cui la sinistra sbagliò ad opporsi".
E' questa la differenza tra lei e Jospin. Per lei il thatcherismo è stato un fattore di modernizzazione, per Jospin è stato il nemico di tutti i valori francesi.
"Ma la differenza è più apparente che reale. Guardi a quello che sta tentando di fare Jospin: introdurre capitale privato nel settore pubblico, grande enfasi su innovazione e tecnologie, apertura al mercato unico che significa competizione. Se lei parla di valori thatcheriani, certo non li condivido. Ma siamo stati troppo lenti nel riconoscere che c'erano interessi corporativi da abbattere nel settore pubblico e nello Stato".
Spesso non si comprende questo dibattito tra modello anglosassone e continentale. Prendiamo l'Italia. E' un paese di successo, con forte coesione sociale, solidi legami familiari, meno povertà e meno gravidanze di minorenni che in Gran Bretagna, e se lei si guarda in giro a Firenze non vedrà tutti gli homeless che ci sono a Londra. Perché dovremmo cambiare e seguire il modello inglese?
"Certo, in Italia c'è un settore di piccola imprenditoria incredibilmente forte, specialmente nel Nord, anche se nel Sud lei accetterà che ci sono problemi di esclusione sociale. Ma la ragione per cui noi abbiamo lanciato questo dibattito sulla Terza Via è proprio questa: il modello anglosassone e quello europeo devono entrambi affrontare la stessa sfida della globalizzazione. Se non lo facciamo, in America cercando di risolvere i problemi dell'emarginazione sociale, in Europa affrontando le inefficienze che ci sono nel nostro sistema pubblico e di Welfare, c'è qualcosa che è più grande di entrambi i modelli che prevarrà, e che si chiama la nuova realtà del mondo, i massicci cambiamenti economici e tecnologici in corso".
Eppure la Spd ha pagato duramente in termini elettorali il manifesto Blair-Schroeder sulla Terza Via. Perché pensa che i tedeschi siano così contrari a cambiamenti sociali?
"Perché i cambiamenti sono dolorosi. Non sono popolari nemmeno da noi. Ma quando la gente ne vede i benefici, capisce. Schroeder è un mio ottimo amico, non tocca a me difenderlo, sa farlo benissimo da solo. I sondaggi vanno su e giù. L'essenziale è che Schroeder continui a fare ciò che sta facendo. In tempi di globalizzazione, particolarmente con il mercato e la moneta comuni, se le nostre industrie non sono competitive, se non riusciamo a tenere sotto controllo la spesa pubblica, perdiamo tutti. E' venuto il tempo in Europa per una nuova socialdemocrazia capace di combinare dinamismo economico e giustizia sociale. E infatti siamo tutti a favore della prudenza fiscale, della riforma del Welfare, della difesa delle vittime del crimine. Smettiamo di guardarci alle spalle, a quelli che ci dicono che stiamo tradendo i valori della sinistra. Non è vero".
Io penso che lei sia consapevole che è difficile per Londra avere un ruolo leader in Europa finché sta fuori dalla moneta unica. So di non poterle strappare oggi un impegno ad aderirvi. Ma può almeno prevedere il referendum prima del 2002, quando l'Euro sarà materialmente nelle tasche di ogni europeo?
"Noi abbiamo chiarito la nostra posizione, che è favorevole al referendum all'inizio della prossima legislatura. Non posso dire con esattezza quando avverrà. Ma abbiamo risolto tutte le questioni politiche e costituzionali sull'ingresso nella moneta unica. Ci sono ancora test economici decisivi da fare, perchè la nostra economia non è nello stesso ciclo continentale. Del resto c'è stato un lungo periodo di convergenza tra l'economia francese e tedesca prima che fosse varata l'unione monetaria. Eppure la nostra posizione in Europa è oggi molto più forte di quando siamo andati al governo".Romano Prodi è stato il suo candidato per la Commissione Europea. Ora la stampa inglese lo attacca perché ha proposto un'agenda di riforme federaliste e la riduzione del potere di veto degli stati membri. Si è pentito del suo sostegno a Prodi?
"No, io penso che si stia dimostrando un ottimo presidente della Commissione Europea. Queste questioni dovrebbero essere discusse più serenamente in Gran Bretagna, senza subito gridare al tradimento dell'interesse nazionale. Noi non intendiamo cedere il diritto di veto su questioni fiscali, di difesa o di controllo dei confini. Ma siamo pronti all'estensione del voto a maggioranza su questioni relative al mercato comune, o alle politiche industriali. Del resto la Thatcher lo ha fatto anche più di me, e per una buona ragione. Perché non c'è modo di far funzionare il mercato comune, o di ottenere la fine del bando alla nostra carne, senza voti a maggioranza qualificata. Del resto sarei abbastanza sorpreso se gli altri paesi europei rinunciassero al loro diritto di veto sulle tasse. Non mi pare che neanche Francia o Germania abbiano perso il sentimento della loro indipendenza nazionale...".
Lei dimentica l'Italia.
"No certo, anche l'Italia, ma lei ammetterà che il dibattito sull'integrazione europea è in Italia alquanto differente".
Che sarà della discussione sulla Terza Via se in America vincono i repubblicani?
"Lo continueremo".