Bellissima Europa ©

Immagine tratta dal simbolo della Confederazione Elvetica, onore di libertà e di democrazia dell'Europa intera nei secoli, oggi àncora del futuro per il mondo intero - Image taken from the symbol of the Helvetic Confederation, honor of freedom and democracy of the whole of Europe over the centuries, today anchor of the future for the whole world - Bild aus dem Symbol der Helvetischen Konföderation, Ehre der Freiheit und Demokratie in ganz Europa im Laufe der Jahrhunderte, heute Anker der Zukunft für die ganze Welt - Image prise du symbole de la Confédération Helvétique, honneur de la liberté et de la démocratie de toute l'Europe au cours des siècles, aujourd'hui ancre du futur pour le monde entier - Изображение взятое из символа Швейцарской Конфедерации, честь свободы и демократии всей Европы на протяжении веков, сегодня якорь будущего для всего мира.

Appendix

Su Ventotene Manifesto Authority Pres. Italia "Invecille"

SCIENTIFIC APPROACH
combinatorial experimental human-political religious

do not miss the background music with


Home
C C E - prev. FCE
Diego Velázquez

Pericle - Discorso agli Ateniesi, 431 a.C.
Tratto da Tucidide, Storie, II, 34-36

Qui ad Atene noi facciamo così. Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia. Qui ad Atene noi facciamo così. Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento. Qui ad Atene noi facciamo così. La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. Qui ad Atene noi facciamo così. Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso. Qui ad Atene noi facciamo così. Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versalità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero. Qui ad Atene noi facciamo così.

Speech of Pericles to Athenians

Here in Athens we do so. Here our government favors the many instead of the few: and this is called democracy. Here in Athens we do so. The laws here ensure equal justice for all in their private disputes, but we never ignore the merits of excellence. When a citizen stands, then it will be, in preference to others, called to serve the state, but not as an act of privilege as a reward of merit, and poverty is not an impediment. Here in Athens we do so. The freedom we enjoy extends also to everyday life, we are not suspicious of one another and never bothered to our neighbors when our neighbor like to live in his own way.We are free, free to live exactly as we like, and yet we are always ready to face any danger. An Athenian citizen does not neglect public affairs when attending to their private affairs, but also does not deal with public affairs to settle his private affairs. Here in Athens we do so. We have been taught to respect the magistrates, and we were also taught to respect the laws and never forget that we must protect those who get offended. And we were also taught to observe those unwritten laws that reside in the universal sense of what is right and what is common sense. Here in Athens we do so. A man who does not care about the state we do not consider it harmless, but useless, and though a few are able to create a policy, all well here in Athens we can judge it. We do not regard the discussion as an obstacle on the path of democracy.We believe that happiness is the fruit of freedom, but freedom is only the fruit of the value. In short, I proclaim that Athens is the school of Hellas, and that every Athenian growing developing in him a happy versatility, confidence in himself, the readiness to face any situation and that is why our city is open to the world and we never expel a foreigner does not. Here in Athens we do so.


Parigi, Arco di Trionfo dei Campi Elisi, particolare, Napoleone e le Città, della statua Le_triomphe de 1810 dello scultore Jean Pierre Cortot
Paris, Arc de Triomphe of the Champs Elysees, detail, Napoleon and the Cities, of the statue Le_triomphe de 1810 by the sculptor Jean Pierre Cortot

19 febbraio 1803 Napoleone Buonaparte poté promulgare l'Atto di Mediazione, che entrò in vigore il 15 aprile, mentre la Dieta federale si riunì per la prima volta il primo venerdì di luglio. La nuova costituzione riportava la Svizzera indipendente alla sua tradizionale natura confederale e riconosceva l'autonomia costituzionale interna dei 19 cantoni, vincolandoli solo ad un quadro di eguaglianza democratica fra i cittadini e a non ammettere diritti fondati sull'antico regime politico.

Confoederatio
 HelveticA

19 February 1803 Napoleon Buonaparte was able to promulgate the Mediation Act, which became effective on 15 April, while the Federal Diet met for the first time on the first Friday of July. The new constitution brought independent Switzerland to its traditional confederal nature and recognized the internal constitutional autonomy of the 19 cantons, binding them only to a framework of democratic equality among citizens and not to admit rights based on the ancient political regime.



SPECIAL PRESENTATION to Pope Francis, Joachim Gauch, Matteo Renzi, Mario Draghi, Laura Boldrini
by personal delivery of this presentation:

GIF animation

"TIME OF EUROPE"
BALANCING EUROPE

Accompagnamento alla PROPOSTA:
 Non solo la Grecia ma nemmeno l'Italia restituirà più i suoi debiti! E non sarebbe nemmeno ingiusto se il mio messaggio PROPOSTA "TIME OF EUROPE" venisse inteso nel suo significato profondo. Non è possibile che i fratelli poveri, figli dello stesso padre e della stessa madre, poveri per qualsiasi motivo, debbano pagare coloro che sono sistematicamente i fratelli più ricchi. Comprensibile eventualmente l'opposto. Pena il blocco del sogno, del disegno familiare. Pena l'umiliazione della giustizia intesa in senso ontologico, assoluto. Poi si ricominci tutto daccapo, a partire da una nuova Europa. A partire da rinnovati punti di partenza comuni. Poi la giustizia, tra eguali punti di partenza, avrà la ragione del suo corso. Oggi è semplicemente assurdo, una giustizia ridicola, da "minus habens", tutti inclusi i cosiddetti ricchi e i cosiddetti poveri. Prima di tutto, noi eravamo e continuiamo ad essere fratelli in una stessa famiglia, con lo stesso padre e la stessa madre. Oggi ancora, a partire dall'Europa.
Prego
G
losio.com/gastone.html

Accompanying the PROPOSAL:
Not only Greece but Italy will not return even more his debts! It would not even be unfair if my message PROPOSAL "TIME OF EUROPE" was understood in its deep meaning. It is not possible that the poor brothers, sons of the same father and the same mother, poor for any reason, have to pay those who are systematically richer brethren. Understandable possibly the opposite. The result would be the blocking of the dream, the familiar design. The result would be the humiliation of justice understood in an ontological sense, absolute. Then start again all over again, starting a new Europe. From renewed common starting points. Then justice, including equal starting points, will be the reason for his course. Today it is simply absurd, ridiculous justice, a justice by ntellectually "less gifted" people, everybody included, the so-called richs and the so-called poors. First of all, we were and continue to be brothers in the same family, with the same father and the same mother. Today still, starting from Europe.
Please
G
losio.com/gastone.html


(Massimo Cacciari, Ancora sull'idea di Impero, MicroMega, 4/2002 pp.185-196).

"La costituzione di un duplice livello di cittadinanza, in cui quello più "universale" non elimina le specificità nazionali, ma incrementa e più efficacemente tutela i diritti che in esse sono maturati, è "romana" nella sua essenza. Una cittadinanza europea che non richiede un Popolo europeo, una Nazione europea, ma una società come federazione di popoli e nazioni, è idea romana. Una cittadinanza estranea ad ogni pregiudizio etnico-razziale, fondata sulla "concordia" politica, e un'idea di "concordia" che non considera il conflitto come distruttivo, ma che proprio dal conflitto si rigenera e rinnova, sono energie costituenti l'unione politica europea che solo dalla memoria della "radice romana" possono venire.
Senza una tale "identità" europea, con un'Europa dove la sovranità popolare non si esercita, di fatto, su scala continentale, dove "nationes, civitates, gentes" sono ancora "prigioniere degli "Stati nazionali" con un'Europa incapace di rappresentare la "propria" comunità plurale, ridotta alla sua dimensione tecnico economica (l'unità economica, sia chiaro, rimane una "conditio sine qua non") e ad una sola delle sue dimensioni geo-politiche (quella atlantica), sarà impossibile equilibrare le tendenze fisiologiche della politica "imperiale" americana, il suo secolare indirizzo "monologante", e pensare la costruzione di un ordine globale fondato su quella "legge della pluralità" che Hannah Arendt diceva (o sperava?) essere la legge della terra.*"

 

"The constitution of a twofold level of citizenship, in which the more "universal" one does not eliminate the national specificities, but increases and more effectively protects the rights which have been matured there, is "roman" in its essence. A European citizenship, which does not demand a European People, and European Nation, but a society like federation of people and nations, is roman idea. A citizenship stranger to every ethnic-racial prejudgment, founded on the "political concord", and an idea of "concord" that does not consider the conflict as destructive, but which, just by the conflict, is regenerated and renewed, are constituent energies of the European political union, which can come only from the memory of the "roman root".
Without such an "European identity", with an Europe where the popular sovereignty does not exercise itself, in fact, on continental scale, where "nationes, civitates, gentes" are still captive of the" national States" with an Europe incapable to represent its "own" plural community, reduced to its economic technical dimension (the economic unit, it's absolutely clear, remains a" conditio sine qua non") and to only one single of its geopolitical dimensions (that Atlantic one), it will be impossible to balance the physiological tendencies of the American "imperial" politic, its secular "monologue wise" address, and think about the construction of a global order based on the "law of plurality" that Hannah Arendt said (or hoped?) be the law of the earth.*"
 Massimo Cacciari, "Digressione su impero e tre Rome", Micromega (Roma), (5), 2001, pp. 43-63

Intervista a Massimo Cacciari del 15/11/2015 di AffariItaliani.it
Massimo Cacciari, in che modo dovrebbe reagire l'Occidente dopo gli attacchi terroristici a Parigi?

L'Europa e l'Occidente dovrebbero reagire come si reagisce quando vieni attaccato sul tuo territorio.
Ci vogliono una strategia politica, una strategia diplomatica, una strategia di intelligence.
C'è bisogno che l'Europa dia una risposta unitaria, precisa, definita e convinta.

Interview with Massimo Cacciari of 11.15.2015 of AffariItaliani.it
Massimo Cacciari, how should the West react after the terrorist attacks in Paris?

Europe
and the West should react how you react when you are attacked in your territory.
There is a need of a political strategy, a diplomatic strategy, a strategy of intelligence.
There is a need for Europe to give a unified response, precise, definite and firm.


click the reload button to restart the animation image above


Carteggio con Alex Salmond dopo le elezioni per l'indipendenza della Scozia
Correspondence with Alex Salmond after the elections for the independence of Scotland

LE "PATRIE SINGOLARI" SI STANNO RISVEGLIANDO DAL LORO TORPORE MILLENARIO
THE "SINGUAR HOMELANDS" ARE AWAKENING FROM THIER MILLENARY SLUMBER


dalla rivista di geopolitica "Limes"

 


Lo spirito
The spirit

 

Ciò che più vale
entro la vita
non è il denaro
idolo sommo
del tetro avaro
Ma è l'anelito verso le altezze.
(Lonati)

What matters most
in life
isn't the money
supreme idol
of the bleak stingy,
but it's the yearning to the heights.
(Lonati)

Teresio Olivelli

Pepe Mujica

... Quando lottiamo per l’ambiente, il primo elemento dell’ambiente si chiama la felicità umana Grazie.
...
When we are fighting for the environment, the first element of the environment is called the human happiness thanks.

La Felicità secondo Zygmunt Baumann

Malala Yousafzai
Premio Nobel per la Pace 2014
Nobel Prize for Peace in 2014
e tutti gli oltre 140 martiri bambini della scuola di Peshawar, Pakistan del 16 dicembre 2014 -  and all of the more than 140 martyrs-school children in Peshawar, Pakistan December 16, 2014
Miniatura
… Un bambino, un maestro, un libro e una penna possono cambiare il mondo …
... One child, one teacher, one book and one pen can change the world …

Reyhaneh Jabbari

Testament of
Reyhaneh Jabbari, to her mother
http://www.youtube.com/watch?v=ZAJZ9SWnC24

Testamento di Reyhaneh Jabbari alla madre
 

Cara Sholeh,
oggi ho appreso che ora è il mio turno di affrontare la Qisas (la legge del taglione del regime iraniano). Mi ferisce che tu stessa non mi abbia fatto sapere che ero arrivata all'ultima pagina del libro della mia vita. Non credi avrei dovuto saperlo? Lo sai quanto mi vergogno perché sei triste. Perché non mi hai dato la possibilità di baciare la tua mano e quella di papà?

Il mondo mi ha concesso di vivere per 19 anni. Quella orribile notte io avrei dovuto essere uccisa. Il mio corpo sarebbe stato gettato in qualche angolo della città e dopo qualche giorno la polizia ti avrebbe portato all'obitorio per identificare il mio corpo e là avresti saputo che ero anche stata stuprata. L'assassino non sarebbe mai stato trovato, dato che noi non siamo ricchi e potenti come lui. Poi tu avresti continuato la tua vita soffrendo e vergognandoti e qualche anno dopo saresti morta per questa sofferenza e sarebbe andata così.

Ma con quel maledetto colpo la storia è cambiata. Il mio corpo non è stato gettato da qualche parte ma nella tomba della prigione di Evin e della sua sezione di isolamento. E ora nella prigione-tomba di Shahr-e Ray. Ma arrenditi al destino e non lamentarti. Tu sai bene che la morte non è la fine della vita.

Tu mi hai insegnato che si arriva in questo mondo per fare esperienza e imparare la lezione e che a ognuno che nasce viene messa una responsabilità sulle spalle. Ho imparato che a volte bisogna lottare. Mi ricordo quando mi dicesti di quel vetturino che si mise a protestare contro l'uomo che mi stava frustando, ma che quello iniziò a dargli la frusta sulla testa e sul viso fino a che non era morto. Tu mi hai detto che per creare un valore si deve perseverare, anche se si muore.

Tu ci hai insegnato, quando andavamo a scuola, che si deve essere una signora di fronte alle discussioni e alle lamentele. Ti ricordi quanto notavi il modo in cui ci comportavamo? La tua esperienza era sbagliata. Quando è accaduto questo incidente, questi insegnamenti non mi hanno aiutato. Essere presentabile in tribunale mi ha fatto apparire come un'assassina a sangue freddo ed una spietata criminale. Non ho versato lacrime. Non ho implorato. Non mi sono disperata, perché avevo fiducia nella legge.

Ma sono stata accusata di rimanere indifferente di fronte ad un crimine. Lo sai, non uccidevo neanche le zanzare e gettavo via gli scarafaggi prendendoli dalle antenne e ora sono diventata un'assassina volontaria. Il modo in cui trattavo gli animali è stato interpretato come un comportamento mascolino e il giudice non si è neanche preoccupato di tenere in considerazione il fatto che all'epoca dell'incidente avevo le unghie lunghe e laccate.

Quant'è ottimista colui che si aspetta giustizia dai giudici! Il giudice non ha mai contestato il fatto che le mie mani non sono ruvide come quelle di uno sportivo, specialmente un pugile. E questo paese per il quale tu hai piantato l'amore in me, non mi ha mai voluto e nessuno mi ha sostenuto quando sotto i colpi degli inquirenti gridavo e sentivo i termini più volgari. Quando ho perduto il mio ultimo segno di bellezza, rasandomi i capelli, sono stata ricompensata: 11 giorni in isolamento.

Cara Sholeh, non piangere per ciò che stai sentendo. Il primo giorno in cui alla stazione di polizia una vecchia agente zitella mi ha schiaffeggiato per le mie unghie, ho capito che la bellezza non viene ricercata in quest'epoca. La bellezza dell'aspetto, la bellezza dei pensieri e dei desideri, una bella scrittura, la bellezza degli occhi e della visione e persino la bellezza di una voce dolce.

Mia cara madre, la mia ideologia è cambiata e tu non ne sei responsabile. Le mie parole sono eterne e le affido tutte a qualcun altro, in modo che quando verrò giustiziata senza la tua presenza e senza che tu lo sappia, ti vengano consegnate. Ti lascio molto materiale manoscritto come mia eredità.

Però, prima della mia morte voglio qualcosa da te, qualcosa che mi devi dare con tutte le tue forze e in ogni modo possibile. In realtà è l'unica cosa che voglio da questo mondo, da questo paese e da te. So che avrai bisogno di tempo per questo. Perciò ti dirò una parte delle mie volontà presto. Ti prego non piangere e ascolta. Voglio che tu vada in tribunale e dica a tutti la mia richiesta. Non posso scrivere una simile lettera dalla prigione che venga approvata dal direttore della prigione. Perciò dovrai di nuovo soffrire per causa mia. E' l'unica cosa per la quale, se implorerai, non mi arrabbierò anche se ti ho detto molte volte di non implorare per salvarmi dall'esecuzione.

Mia dolce madre, cara Sholeh, l'unica che mi è più cara della vita, non voglio marcire sottoterra. Non voglio che i miei occhi o il mio giovane cuore diventino polvere. Prega perché venga disposto che, non appena sarò stata impiccata il mio cuore, i miei reni, i miei occhi, le ossa e qualunque altra cosa che possa essere trapiantata venga presa dal mio corpo e data a qualcuno che ne ha bisogno, come un dono. Non voglio che il destinatario conosca il mio nome, compratemi un mazzo di fiori, oppure pregate per me. Te lo dico dal profondo del mio cuore che non voglio avere una tomba dove tu andrai a piangere e a soffrire. Non voglio che tu ti vesta di nero per me. Fai di tutto per dimenticare i miei giorni difficili. Dammi al vento perché mi porti via.

Il mondo non ci ama. Non ha voluto che si compisse il mio destino. E ora mi arrendo ad esso ed abbraccio la morte. Perché di fronte al tribunale di Dio io accuserò gli ispettori, accuserò l'ispettore Shamlou, accuserò il giudice e i giudici della Corte Suprema che mi hanno picchiato mentre ero sveglia e non hanno smesso di minacciarmi. Nel tribunale del creatore accuserò il Dr. Farvandi, accuserò Qassem Shabani e tutti coloro che per ignoranza e con le loro bugie mi hanno fatto del male ed hanno calpestato i mie diritti e non hanno prestato attenzione al fatto che a volte ciò che sembra vero è molto diverso dalla realtà.

Cara Sholeh dal cuore tenero, nell'altro mondo siamo tu ed io gli accusatori e gli altri gli accusati. Vediamo cosa vuole Dio. Vorrei abbracciarti fino alla morte. Ti voglio bene.

Reyhaneh

 

  Save the Children Italia Onlus


La pubblicità
The advertisement

"CALL TO ARMS" TRAILER
SOE (Save Our Europe!)

web advertising 1.
web advertising 2.
web advertising 3.
web advertising 4.
web advertising 5.
web advertising 6.


Le radici
The roots

Rosa Camuna (the icon of Lombardy, also the regional flag)
A millenia lasting hug, to my homeland of Brescia, in the name and on behalf of all the Lombards, for an administration that starts from the roots, from the basics, from the citizen and his "peculiar homeland", his city, his province, his language, his homeland.
The walkway on the rocks was done according to the rules in bare feet on the rock.
___
Municipality of Capo di Ponte,
Vallecamonica,
Province of Brescia,
Archaeological Park Municipal Seradina-Beldolina,
High blue trail, Rock n. 1
Today August 26th 2013, 12:59:10




Pietre miliari della mia elaborazione politica
Mile-Stones of my political elaboration

Mercurino Arborio da Gattinara
il progetto unificato del quale sembra anticipare l'Europa del Terzo Millennio, whose unified design seems to anticipate Europe of the Third Millennium.

"Mercurino Arborio de Gattinara se nos aparece pues como un italiano por corazón y cálculo, un proespañol por convicción y realismo político, y un europeo por fidelidad a una dinastía internacional,
pero por encima de todo fue un gran político del Renacimiento que, gracias a su profundo humanismo cristiano, no fue un arquetipo de Maquiavelo"
Eduard Escartín Sánchez - Direcció - Facultat de Geografia i Història (UB) - Montalegre, 6 | 08001 Barcelona - Despatcho nº 3012

Carlo Cattaneo
le città/province/cantoni "patrie singolari" dei cittadini, cities/provinces/cantons "singuar homelands" of the citizens

Altiero Spinelli
abolire gli "Stati nazionali sovrani!", abolish the "national, sovereign States"


Ralf Gustav Dahrendorf
no alle regioni in Europa, no to the regions in Europe
"Niente da dire sulla riforma della Costituzione. Ma non sono favorevole alle regioni, al federalismo. Sono un grande sostenitore del governo locale, ma non di quello regionale. Quello e' solo un modo per trovare "posti ai ragazzi", lavori per i burocrati e i funzionari. Sono contrario al federalismo anche per la Scozia, che pure e' una Nazione. E se guardiamo al regionalismo spagnolo, vediamo che e' una storia infelice. Cosi' sarebbe per l'Italia".
"Nothing to say on the reform of the Constitution. But I'm not favourable to the regions, to federalism. I'm a big supporter of local government, but not of the regional one. That's only a way to find "places for the boys", works for bureaucrats and officials. I'm opposed to federalism also for Scotland,  which is also a nation, and if we look at the Spanish regionalism, we see that's an unhappy story. The same it would be for Italy."

Francesco Paolo Forti
Esperto e professionista in federalismo svizzero applicato e compagno di percorso nella messa a punto della basi della proposta:
"A me va benissimo che qualcuno voglia eliminare le province: se e’ un centralista e’ del tutto naturale, ma se si spaccia per federalista lo si puo’ smascherare in fretta, dicendo che pensare ad una Lombardia senza province e’ come immaginare una Svizzera senza cantoni. Dal punto di vista federalistico e’ un non-sense paradossale. Dal punto di vista centralistico (nazionale o regionale) e’ perfettamente coerente".
Expert and professional in federalism applied in CH, partner in the development of the bases of the proposal:
"To me that's great that someone wants to eliminate the provinces: if and 'a centralist and' quite natural, but if pretends to be federalist you can 'unmask quickly, saying they think about a Lombardia and no provinces' as imagine Switzerland without cantons. From the point of view of federalism and 'a non-sense paradoxical. From the perspective of centralism (national or regional) and 'perfectly consistent."

Gastone Vittorino Pier Giuseppe Losio
"Legge di Losio ©" del trasferimento dell'inefficienza dall'alto, nelle strutture gerarchico funzionali elettivamente indipendenti, "Losio's Law ©" the transfer of the inefficiency, from above, in functional hierarchical structures electively independent.

 


Sindaci d'Europa! Sindaci "Executive d'Europa"!


Il Movimento Trieste libera non riconosce il Memorandum di Londra e il Trattato di Osimo.
Complice un endemico senso di alterità rispetto al Bel Paese e la crisi economica, gli indipendentisti riscuotono consensi inaspettati. In maniera pacifica, per ora.

Il SIndaco di Bologna reclama l'Europa contro le leggi Italiane
Il Sindaco di Roma, stesso discorso

1. La strada dissestata davanti a casa mia "è un tema europeo"! In presa diretta con l'Europa attraverso il MIO sindaco!
2. La famiglia che dorme in macchina davanti a casa mia "è un tema europeo"! In presa diretta con l'Europa attraverso il MIO sindaco!
3. Io che attendo da gennaio il benestare paesaggistico comunale per l'installazione di un impianto fotovoltaico che permette l'autonomi energetica, è un tema europeo"! In presa diretta con l'Europa attraverso il MIO sindaco che in questo caso va svegliato a suon di allerta diretti dall'Europa pena la sua ignominia sulle statistiche continentali!!
4.......... "è un tema europeo"! In presa diretta con l'Europa attraverso il MIO sindaco!
.....

Da eliminare sono Regioni, Stati Nazionali Sovrani, mentre le Province / Città / Cantoni / Patrie Singolari,  sono esattamente i futuri "Stati Uniti d'Europa", l'Europa delle Mille Città, l'Europa delle Mille Patrie Singolari come le chiamava Cattaneo.

Province/Cantoni soni i futuri Stati Uniti d'Europa, le Mille Città d' Europa, le mille "patrie singolari" degli europei in una sola e unita "patria plurale" Europa. Per questo le vogliono eliminare, perché i ladri sono molto più potenti perché spendono e rubano già oggi molto di più. Le regioni clientelari e corrotte (c'è bisogno di fare degli esempi?), gli stati nazionali sovrani con i loro immani debiti costruiti da insanità civica e morale. Hanno più "potere contrattuale" in uno stato alla deriva guidato da "capitani Schettino", che non sanno il loro mestiere!
Vedi
"Legge di Losio ©" o del trasferimento dell'inefficienza dall'alto, nelle strutture gerarchico funzionali elettivamente indipendenti".
Segue spiegazione e proposta esecutiva:
Italia delle Cento Città MANIFESTO

Una vera rivoluzione copernicana, con il cittadino Sovrano al vertice della piramide decisionale generale, e con i Sindaci in carica di Executive Manager del Cittadino, dal dettaglio della strada davanti a casa sua ai rumori del vicino... fino alla decisone sull'impiego di risorse europee per la scolarizzazione dei bambini delle scuole primarie di Zanzibar o l'acquisto di cacciabombardieri per l'esercito europeo unificato.  

Il sindaco del capoluogo, in funzione di "Camerlengo", coordinato strettamente con i suoi colleghi della Patria Singolare / Provincia, coopterà uno di loro o una personalità civica eminente della nazione Europa, come il Governatore della nuova unità dello Stato Unitario Continentale Europeo, ovvero Executive Vice President del Presidente degli Stati Uniti d'Europa (o FCE) eletto direttamente dal cittadino con il Parlamento dei Rappresentanti (Camera Bassa) e il Parlamento delle Patrie Singolari (Camera Alta), cioè gli stessi Governatori, cooptati dai Sindaci eletti e conosciuti personalmente e controllati assiduamente e da vicino, dal Cittadino Sovrano. E il cerchio è chiuso, e il gioco della bella "polis" è fatto.

Mayors of Europe! Mayors"Executives of Europe"!

1. The damaged road in front of my house " is a European issue "! In direct contact with Europe through MY mayor!
2. The family sleeping in the car in front of my house "is a European issue"! In direct contact with Europe through MY mayor!
3. I 've been waiting for ten months municipal approval for the landscape protection for the installation of a photovoltaic system that allows the self- energy "is a European issue"!  In direct contact with Europe through MY mayor, who in this case has to be awakened by an alert direct from Europe for this ignominy, shown to the public through continental statistics!
4.......... "is a European issue " ! In direct contact with Europe through MY mayor!
.....

Regions, and the Sovereign Nation States are to be deleted, while the Provinces / Cities / Cantons / Singular Homelands, exactly are the future "United States of Europe", the Europe of Thousand Cities, the Europe of Thousand Singular Homelands as them called Cattaneo for Italy.

Provinces/Cantons are the future United States of Europe, the Thousand Cities, the Thousand Singular Homelands of the Europeans in one and united "Plural Homeland" Europe.
For this reason the present politics is going to eliminate the Provinces in Italy, the reason is that the thieves are much more powerful because they spend and steal already today much more. The clienteles in the regions (do you need examples for that), the sovereign nation states with their gigantic debts built up with civic and ethic insanity. They have still more "contractual power" in the present contingency, driven by "Captains Schettino", which don't know their job!  See "
Losio's Law ©" or of the transfer of the inefficiency top-down, in functional hierarchical structures electively independent.".
Follow explanation and executive proposal:
Italy of the Hundred Cities MANIFESTO

A Copernican revolution, with the Sovereign citizen at the top of the pyramid general decision-making, and with the mayors in charge of Executive Managers of the Citizen, from the detail of the road in front of his house to the noisy neighbor... until the decision on the use of European resources for the education of children in primary schools in Zanzibar or the purchase of fighter jets for the unified European army.

The mayor of the capital, acting as "Camerlingo" as in the Roman Church, coordinated closely with his colleagues in the Homeland / Province, co-opts one of them or a civic eminent personality selected in the whole nation Europe, as the Governor of the new unit of the Unitary European Continental State. He will act as Executive Vice President of the President of the United States of Europe (FCE), elected directly by the citizens. The Parliament of Representatives (Lower House) being elected directly by the citizens, while the Parliament of the Cities /Provinces/Singular Homelands (Upper House), will be composed by the same Governors.


Altre frasi selezionate sulla costruzione dell'Europa
Other phrases selected on the construction of Europe.
---

"Il problema che in primo luogo va risolto, e fallendo il quale qualsiasi altro progresso non è che apparenza, è la definitiva abolizione della divisione dell’Europa in stati nazionali sovrani."
"The problem that must be resolved first, failing which any progress is nothing more than mere appearance, is the definitive abolition of the division of Europe into individual sovereign nation-states."
Altiero Spinelli, Ernesto Rossi, Eugenio Colorni, da/from Manifesto di Ventotene, 08/1941
---
"Niente da dire sulla riforma della Costituzione. Ma non sono favorevole alle regioni, al federalismo. Sono un grande sostenitore del governo locale, ma non di quello regionale. Quello e' solo un modo per trovare "posti ai ragazzi", lavori per i burocrati e i funzionari. Sono contrario al federalismo anche per la Scozia, che pure e' una Nazione. E se guardiamo al regionalismo spagnolo, vediamo che e' una storia infelice. Cosi' sarebbe per l'Italia".
"Nothing to say on the reform of the Constitution., But I'm not favourable to the regions, to federalism.' Im a big supporter of local government, but not of the regional one. That's only a way to find" places for the boys ", works for bureaucrats and officials. I'm opposed to federalism also for Scotland,  which is also a nation. and if we look at the Spanish regionalism, we see that' an unhappy story. Thes same it would be for Italy."
Intervista a Ralf Dahrendorf del 31 maggio 1997 di Taino Danilo del Corriere della Sera - Interview to Ralf Dahrendorf of 31 May 1997 of Danilo Taino, Corriere della Sera
---
La vera voce d'Europa è quella della sua civiltà, da Platone, Cristo, Paolo, Agostino, More, Pascal, Cattaneo, Proudhon, Spinelli, della sua capacità di dialogo, della sua sagacia di governo, che di questi tempi di globalizzazione dannata, condannata e benedetta, deve trascendere i chiusi confini delle sue eurofrontiere pavide. L'Europa della elaborazione sublime delle sue migliori attitudini alle altezze dello spirito e del corpo dell'uomo in quanto tale. L'Europa del fratello prodigo da accettare da parte del fratello morigerato come lo accetta il padre suo. L'Europa che coglie le Emergencies e si butta e butta i suoi figli a cuore aperto nell'oriente della nuova vita. L'Europa che è già pronta ad aprire i suoi scrigni di ricchezza alla distribuzione dell'amore, basta che qualcuno glielo sappia chiedere, con amabile e caldo sorriso. L'Europa che non si galvanizza, due volte infame, per le atrocità delle violenza e dell'ingiustizia selvaggia di questi giorni che superano in qualità le peggiori violenze del secolo scorso e di tutti i precedenti. Solo così l'oggi apparirà come dovrebbe apparire, e cioè come una rozza primordiale infame cattedrale all'edonismo piagnone e selvaggio e cieco, eppure degno di rispetto perché attivo e deciso?
The true voice of Europe is that of its civilization, from Plato, Christ, Paul, Augustine, More, Pascal, Cattaneo, Proudhon, Spinelli, of its capacity for dialogue, his sagacity of government, which in these times of globalization damned, condemned and blessed, must transcend the boundaries of its closed, fearful eurobordes. The Europe of processing sublime heights of his best abilities of the mind and body of man as such. The Europe of the prodigal brother to be accepted by his brother sober as well as his father. Europe plucking Emergencies and jumps and throws his sons, with open heart, in the east of the new life. The Europe that is ready to open its coffers to the distribution of wealth of love, just someone who knows how to ask him, with sweet and warm smile. The Europe that does not galvanizes itself, twice infamous for the atrocities of savage violence and injustice of these days, that overcome the worst violence of the past century and of all the previous. Only in this way Today will appear  as it should appear, that is, as a rough primordial infamous cathedral to the complainer hedonism and wild and blind, yet worthy of respect because active and decisive?
E-mail di Gastone Losio a Barbara Spinelli il 24 dicembre 2001 / E-mail of Gaston Losio to Barbara Spinelli December 24, 2001

Risposta di Barbara Spinelli a Gastone Losio il 27 dicembre 2001 / Answer by Barbara Spinelli to Gaston Losio December 27, 2001
"grazie per la bella lettera, e per la straordinaria invocazione allo spirito d'Europa. Un augurio per il Natale e l'anno nuovo da barbara spinelli"
"Thank you for the beautiful letter, and for the extraordinary invocation of the spirit of Europe. Best wishes for Christmas and the New Year by barbara spinelli"


CONGEDO
Oggetto: Stati Uniti d'Europa

Caro Amico,
questo è un periodo piuttosto ricco di pulsioni emotive. Questa mattina mi sono svegliato pensando intensamente a Te in collegamento con il mio progetto politico per l'Europa, che ho allo studio da qualcosa più di vent'anni. A Te come "cittadino".
Quello che ricordo per darti un'idea di me è che come progettista ho "insegnato" a Enzo Ferrari come costruire il cuore dei suoi motori di F1, per un attimo, i suoi "cento errori", come, da "grande" uomo, mi raccontava.
I miei candidati "errori", che sono molto meno "grande", nel mio progetto sono all'incirca duemilacinquecentotrenta , le duemilacinquecentotrenta Città-Stato d'Europa, quelle di cultura amministrativa europea, da Lisbona a Vladivostok, copiando la Svizzera, un prototipo che ci guarda incredulo e felicemente rombante/pulsante per i suoi fortunati cittadini, proprio lì al centro, nel cuore d'Europa, da ben ottocento anni.
Oggi con Internet, dai 26 Cantoni della Confederazione Elvetica, con un fattore 100, un "quattordicenne" è l'ideale per la conversione.

Attuali Stati sovrani nazionali, le cui città sono state considerate qui come potenziali membri della Confederazione:
Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaigian, Bielorussia, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania (82), Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia (60), Kazakistan, Kosovo, Kirghizistan, Lettonia, Lichtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Moldavia, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Russia (143), San Marino, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan, Ucraina, Regno Unito, Uzbekistan, Città del Vaticano.
In grassetto, il numero minimo di Stati da cui partire, per una Confederazione di Città-Stato, sostenibile politicamente e globalmente significativa.
Sottolineati gli Stati personalmente auspicati nella fase iniziale della costruzione della Confederazione, il numero di abitanti è tra parentesi.

Ti ho praticamente già detto tutto, il Team è pronto, per il "superfluo": gotoTop

LEAVE OF ABSENCE
Subject: United States of Europe

Dear Friend,
this is a rather rich period of emotional drives. This morning I woke up thinking intensely of You in connection with my political project for Europe, which I have been studying for over twenty years. To you as a "citizen".
What I remember, to give you an idea of ​​me, is that, as a designer I "taught" Enzo Ferrari how to build the heart of his F1 engines, for a moment, his "one hundred mistakes", as, such a "great" man told me.
My candidates "mistakes", being much less "great"
, in my project are about two thousand five hundred and thirty, two thousand five hundred and thirty City-States of Europe, those of European administrative culture, from Lisbon to Vladivostok, copying Switzerland, a prototype that looks at us incredulous and happily rumbling / pulsating for its lucky citizens, right there in the center, in the heart of Europe, for a good eight hundred years.
Today with the Internet, from the 26 cantons of the Helvetic Confederation, with a factor of 100, a "fourteen year old" is ideal for the upgrade.

Current National Sovereign States, whose Cities have been considered here as potential Members of the Confederation:
Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaijan, Belarus, Belgium, Bosnia and Herzegovina, Bulgaria, Croatia, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Georgia, Germany (82), Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy (60), Kazakhstan, Kosovo, Kyrgyzstan, Latvia, Lichtenstein, Lithuania, Luxembourg, Macedonia, Malta, Moldova, Monaco, Montenegro, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Romania, Russia (143), San Marino, Serbia, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland, Tajikistan, Turkey, Turkmenistan, Ukraine, United Kingdom, Uzbekistan, Vatican City. 
In bold letters, the minimum number of States to start with, for a politically sustainable and worldwide meaningful Confederation of City-States.
Underscored the States personally desirable in the initial phase of construction of the Confederation, in brackets the number of inhabitants.

I've basically told you everything, the Team is ready, for the "superfluous": gotoTop

PS
All'immagine animata dell'intestazione del mio Congedo, il compito di evocare tre "vecchietti", miei coetanei come media delle loro età, che il mio istinto suggerirebbe di non lasciarti scappare per affidare loro il compito primario oggi di impastare a piene mani la materia prima di questa immensa torta per il cibo vitale dei nostri discendenti, ai quali è giusto il tempo di pensare, io lo sento oggi, in modo particolare.
A parte idee ed ideali di calibro più personale, l'oggettività della storia contemporanea ce li offre adesso e sono esattamente tre, uniti da una "affinità elettiva" umanamente e geopoliticamente irripetibile. Te li elenco, concedimelo per ultimo bisbigliato ed appassionato consiglio, riassunti in una sola parola-slogan, inequivocabile: Trumputinlusconi.
Serviamocene per il bene di tutti, loro, loro tre, non aspettano di meglio!

Grazie!
Ranco,
04/05/2018

PS
To the animated image of the heading of my Leave, the task of evoking three "old men", my peers as the average of their ages, that my instinct would suggest not to run away to entrust them with the primary task today to knead the raw material of this immense cake for the vital food of our descendants, to whom it is just time to think, I feel it today, in a particular way.
Apart from ideas and ideals of a more personal caliber, the objectivity of contemporary history offers them now and they are exactly three, united by an "elective affinity" that is humanly and geopolitically unrepeatable. I'll list them, give it to you last whispered and passionate advice, summarized in a single word-slogan, unequivocal: Trumputinlusconi.
Let's use them for the good of all, they, they three, do not wait any better!

Thank you!
Ranco, 04/05/2018


 

THE HUNDRED CITIES OF ITALY - THE THOUSAND CITIES OF EUROPE

THE SINGULAR homelands OF the EUROPEANS

Nicæa civitas fidelissima
(
Nice, Côte d'Azur, 344 460 inhabitants, one of the thousand, and more, cities of Europe taken at random as a symbol of all)

(DOCUMENT1860)

"Our cities are the ancient centre of all the communications of a large and populous province, all the roads lead there, the markets of the countryside are there, they are like the heart of the system of the veins, they are terms to which the expenditures direct, and from which the industries and capitals branch off, they are a point of intersection or rather a centre of gravity, which can not be dropped on another point taken at will.

Men gather there for different interests, because they find the courts, the intendancies, the commissions, the archives, the books of mortgages, the administrations; the middle point of their farms, the seat of their palaces, the place of their customs, and of their influence and consideration, the meeting of kinships, the most appropriate situation for the placement of their daughters, and the studies and employment of youth.

In short, they are a centre of action for an entire population of two hundred or three hundred thousand inhabitants.

This condition of our cities is the work of centuries and of very remote events, and its most ancient causes of every memory.

The dialect marks the indelible work of those primitive consortiums, and with the varied dialect, from province to province, not only the nature and the mood, but the culture, the capacity, the industry, and the whole order of the riches. This means that men can not easily be split up by those their natural centres. Those in Italy who ignore this love of Singular Homelands will always sow in the arena."

"For the Local Autonomies", of Carlo Cattaneo

 
Precedente Home Su

Top flying flags from: http://www.crossed-flag-pins.com/
Last updated: 17/07/2018


la più bella, il mio Stato