Bellissima Europa
1.000 Città/Cantoni
100.000 Comuni
500.000.000 Cittadini Sovrani

Immagine tratta dal simbolo della Confederazione Elvetica, onore di libertà e di democrazia dell'Europa intera nei secoli, oggi àncora del futuro per il mondo intero - Image taken from the symbol of the Helvetic Confederation, honor of freedom and democracy of the whole of Europe over the centuries, today anchor of the future for the whole world - Bild aus dem Symbol der Helvetischen Konföderation, Ehre der Freiheit und Demokratie in ganz Europa im Laufe der Jahrhunderte, heute Anker der Zukunft für die ganze Welt - Image prise du symbole de la Confédération Helvétique, honneur de la liberté et de la démocratie de toute l'Europe au cours des siècles, aujourd'hui ancre du futur pour le monde entier - Изображение взятое из символа Швейцарской Конфедерации, честь свободы и демократии всей Европы на протяжении веков, сегодня якорь будущего для всего мира.

experimental

scientific approach
combinatorial experimental human-political religious

ground-based approach

Home
C C E - prev. FCE
Diego Velázquez


the Swiss Confederation.

ick the reload button to restart the animation image above

Dalla Svizzera MESSAGGIO DI BUON 2017 del Presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann
(contributo di Franz Forti, italiano all'estero, da Facebook)

***
Da anni risiedo fuori d'Italia e l'ultimo dell'anno ho smesso di seguire il rito del messaggio del Presidente della Repubblica. Ho letto che è durato mezz'ora! Possibile? Mi chiedo se non possano bastare 5 minuti per fare gli auguri e dare un breve messaggio alla nazione. Ma eventualmente questo che metto sotto è il messaggio che vorrei sentire in futuro. Fate finta che invece di Berna ci sia Roma ed invece della Svizzera ci sia "Italia". Tralasciate e dettagli e guardate la sostanza. Non vi piacerebbe ascoltare un messaggio di questo tono?

Sono 5 minuti, forse anche meno. ---

 

Berna, 01.01.2017 - Care concittadine e cari concittadini, vi auguro di cuore un felice anno nuovo, in buona salute! In questo primo giorno dell'anno dobbiamo essere fieri e ottimisti.

Per la Svizzera il 2017 (duemila-diciassette) inizia su un terreno sicuro: Viviamo in un bel Paese con un'elevata qualità di vita:

abbiamo cura dei nostri paesaggi e dell'ambiente; offriamo stabilità e l'opportunità di decidere liberamente il nostro futuro; il nostro sistema politico, la libertà d'espressione e la diversità dei media fanno in modo che ci sia una buona partecipazione della popolazione e che le nostre istituzioni, e quindi la nostra democrazia diretta, siano di alto livello.

Abbiamo preso molte decisioni per le generazioni future: la galleria di base del San Gottardo, l'AVS (a-vi-esse), il nostro sistema formativo e di ricerca, le infrastrutture, il freno all'indebitamento e la strategia energetica.

Il resto del mondo non gode di tutta questa stabilità. Molti Stati si trovano a dover gestire un enorme debito pubblico e puntano maggiormente sul protezionismo. Presto alcuni governi saranno segnati da avvicendamenti che potrebbero generare insicurezza. Centinaia di migliaia di persone hanno lasciato il loro Paese in cerca di una vita migliore. I conflitti e le guerre provocano sofferenza e distruzione: i fatti tragici di queste settimane lo dimostrano.

Non sappiamo che cosa ci riserva il futuro. Il Consiglio federale non ha una risposta pronta per tutte le situazioni. Il mondo è diventato molto, troppo complesso.

Ma abbiamo una certezza: tra tanta instabilità la Svizzera è un’ancora nella tempesta.

Siamo tra i Paesi più innovativi al mondo ed è su questa via che vogliamo continuare con determinazione, anche se sappiamo che il cambiamento ci mette alla prova. Possiamo contare su una buona crescita economica: la disoccupazione è bassa. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare le persone in cerca di un impiego che vogliamo integrare di nuovo nel mondo del lavoro.

Per la Svizzera la solidarietà è molto importante. Questo spirito di solidarietà è messo a dura prova dall'aumento dei costi, ad esempio nel sistema sanitario o nella previdenza per la vecchiaia. In questi settori sono necessarie delle riforme. Anche in futuro vogliamo mantenere la nostra stabilità e continuare ad avere successo. Per questo serve più che mai coesione.

La nostra società è forte perché siamo abili nel conciliare diverse esigenze.

Viviamo in un Paese con quattro lingue nazionali, in cui occorre sempre trovare un equilibrio tra maggioranze e minoranze. Chi ascolta musica popolare e chi invece l’hip-hop difficilmente si incontra allo stesso evento: ma entrambi accettano la cultura dell'altro! Chi vive in città ha determinate necessità, chi vive in campagna ne ha altre: ma l'uno ha bisogno dell'altro! Nessuna regione deve essere esclusa dallo sviluppo. Le pretese nei confronti dello Stato di certo non diminuiranno. Saper trovare un equilibrio tra queste esigenze è una grande qualità e un compito importante della politica. Per riuscirci dobbiamo comunicare con gli altri, ascoltarli e cercare di capirci.

Non è semplice, nemmeno all'interno di una famiglia. Lo sappiamo bene. E in tempi di rapidi cambiamenti e nuove tecnologie la democrazia è un sistema impegnativo.

La pazienza, la tenacia e la fiducia in noi stessi ci aiutano ad andare avanti. Così possiamo vivere in modo positivo anche i periodi di incertezza.

Per questo motivo ringrazio tutti coloro che ogni giorno contribuiscono al rafforzamento della coesione sociale e all'equità, al progresso e all'apertura.

Alle persone che inizieranno il nuovo anno in mezzo a conflitti, violenza o lontane da casa, auguro che il 2017 (duemila-diciassette) porti loro pace - serenità e un po' di normalità.

A voi, care concittadine e cari concittadini, auguro di iniziare l'anno nuovo con un lavoro sicuro, un salario giusto e una buona salute.

Tanti auguri di felicità e di salute. ---

 

Possibile sentire qualche cosa di simile tra qualche anno (pardon, decennio)?

Questo il mio augurio.

***

Anche il mio, grazie

 

Svizzera
Svizzera – Bandiera Svizzera - Stemma
(dettagli) (dettagli)
(LA) Unus pro omnibus, omnes pro uno
(DE) Einer für alle, alle für einen
(FR) Un pour tous, tous pour un
(IT) Uno per tutti, tutti per uno
(RM) In per tuts, tuts per in
Dati amministrativi
Nome completo Confederazione Svizzera
Nome ufficiale (LA) Confoederatio Helvetica
(DE) Schweizerische Eidgenossenschaft
(FR) Confédération suisse
(IT) Confederazione svizzera
(RM) Confederaziun svizra
Lingue ufficiali tedesco (64,5%),
 

francese (22,6%),
italiano (8,3%),
romancio (0,5%)[1][2]

Capitale Berna (città federale)  (133.656 ab. / 31.12.2011)
Politica
Forma di governo Repubblica federale direttoriale
Presidente della Confederazione svizzera Johann Schneider-Ammann
Organo esecutivo Consiglio federale1
Indipendenza 1º agosto 1291
Ingresso nell'ONU 10 settembre 2002
Superficie
Totale 41.285 km² (132º)
 % delle acque 3,7%
Popolazione
Totale 8.401.120[3] ab. (Marzo 2016) (94º)
Densità 198 ab./km²
Tasso di crescita +1,0 %[4][5]
Geografia
Continente Europa
Confini Germania, Austria, Liechtenstein, Italia, Francia
Fuso orario UTC+1 (UTC+2 in ora legale)
Economia
Valuta Franco svizzero
PIL (nominale) 631 183[6] milioni di $ (2012) (20º)
PIL pro capite (nominale) 78 881 $ (2012) ()
PIL (PPA) 358 990 milioni di $ (2012) (36º)
PIL pro capite (PPA) 44 864 $ (2012) ()
ISU (2014) 0,917 (molto alto) ()
Fecondità 1,5 (2010)[7]
Varie
Codici ISO 3166 CH, CHE, 756
TLD .ch
Prefisso tel. +41
Sigla autom. CH
Inno nazionale Salmo Svizzero
Festa nazionale 1º agosto
1La Svizzera possiede una forma di governo direttoriale: il Consiglio Federale, composto da sette membri, funge collegialmente da capo di stato e di governo della Confederazione.
Evoluzione storica
Stato precedente bandiera


Raccolta rifiuti


Dear Donald, Switzerland Second!


CONGEDO
Oggetto: Stati Uniti d'Europa

Caro Amico,
questo è un periodo piuttosto ricco di pulsioni emotive. Questa mattina mi sono svegliato pensando intensamente a Te in collegamento con il mio progetto politico per l'Europa, che ho allo studio da qualcosa più di vent'anni. A Te come "cittadino".
Quello che ricordo per darti un'idea di me è che come progettista ho "insegnato" a Enzo Ferrari come costruire il cuore dei suoi motori di F1, per un attimo, i suoi "cento errori", come, da "grande" uomo, mi raccontava.
I miei candidati "errori", che sono molto meno "grande", nel mio progetto sono all'incirca duemilacinquecentotrenta , le duemilacinquecentotrenta Città-Stato d'Europa, quelle di cultura amministrativa europea, da Lisbona a Vladivostok, copiando la Svizzera, un prototipo che ci guarda incredulo e felicemente rombante/pulsante per i suoi fortunati cittadini, proprio lì al centro, nel cuore d'Europa, da ben ottocento anni.
Oggi con Internet, dai 26 Cantoni della Confederazione Elvetica, con un fattore 100, un "quattordicenne" è l'ideale per la conversione.

Attuali Stati sovrani nazionali, le cui città sono state considerate qui come potenziali membri della Confederazione:
Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaigian, Bielorussia, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania (82), Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia (60), Kazakistan, Kosovo, Kirghizistan, Lettonia, Lichtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Moldavia, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Russia (143), San Marino, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan, Ucraina, Regno Unito, Uzbekistan, Città del Vaticano.
In grassetto, il numero minimo di Stati da cui partire, per una Confederazione di Città-Stato, sostenibile politicamente e globalmente significativa.
Sottolineati gli Stati personalmente auspicati nella fase iniziale della costruzione della Confederazione, il numero di abitanti è tra parentesi.

Ti ho praticamente già detto tutto, il Team è pronto, per il "superfluo": gotoTop

LEAVE OF ABSENCE
Subject: United States of Europe

Dear Friend,
this is a rather rich period of emotional drives. This morning I woke up thinking intensely of You in connection with my political project for Europe, which I have been studying for over twenty years. To you as a "citizen".
What I remember, to give you an idea of ​​me, is that, as a designer I "taught" Enzo Ferrari how to build the heart of his F1 engines, for a moment, his "one hundred mistakes", as, such a "great" man told me.
My candidates "mistakes", being much less "great"
, in my project are about two thousand five hundred and thirty, two thousand five hundred and thirty City-States of Europe, those of European administrative culture, from Lisbon to Vladivostok, copying Switzerland, a prototype that looks at us incredulous and happily rumbling / pulsating for its lucky citizens, right there in the center, in the heart of Europe, for a good eight hundred years.
Today with the Internet, from the 26 cantons of the Helvetic Confederation, with a factor of 100, a "fourteen year old" is ideal for the upgrade.

Current National Sovereign States, whose Cities have been considered here as potential Members of the Confederation:
Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaijan, Belarus, Belgium, Bosnia and Herzegovina, Bulgaria, Croatia, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Georgia, Germany (82), Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy (60), Kazakhstan, Kosovo, Kyrgyzstan, Latvia, Lichtenstein, Lithuania, Luxembourg, Macedonia, Malta, Moldova, Monaco, Montenegro, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Romania, Russia (143), San Marino, Serbia, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland, Tajikistan, Turkey, Turkmenistan, Ukraine, United Kingdom, Uzbekistan, Vatican City. 
In bold letters, the minimum number of States to start with, for a politically sustainable and worldwide meaningful Confederation of City-States.
Underscored the States personally desirable in the initial phase of construction of the Confederation, in brackets the number of inhabitants.

I've basically told you everything, the Team is ready, for the "superfluous": gotoTop

PS
All'immagine animata dell'intestazione del mio Congedo, il compito di evocare tre "vecchietti", miei coetanei come media delle loro età, che il mio istinto suggerirebbe di non lasciarti scappare per affidare loro il compito primario oggi di impastare a piene mani la materia prima di questa immensa torta per il cibo vitale dei nostri discendenti, ai quali è giusto il tempo di pensare, io lo sento oggi, in modo particolare.
A parte idee ed ideali di calibro più personale, l'oggettività della storia contemporanea ce li offre adesso e sono esattamente tre, uniti da una "affinità elettiva" umanamente e geopoliticamente irripetibile. Te li elenco, concedimelo per ultimo bisbigliato ed appassionato consiglio, riassunti in una sola parola-slogan, inequivocabile: Trumputinlusconi.
Serviamocene per il bene di tutti, loro, loro tre, non aspettano di meglio!

Grazie!
Ranco,
04/05/2018

PS
To the animated image of the heading of my Leave, the task of evoking three "old men", my peers as the average of their ages, that my instinct would suggest not to run away to entrust them with the primary task today to knead the raw material of this immense cake for the vital food of our descendants, to whom it is just time to think, I feel it today, in a particular way.
Apart from ideas and ideals of a more personal caliber, the objectivity of contemporary history offers them now and they are exactly three, united by an "elective affinity" that is humanly and geopolitically unrepeatable. I'll list them, give it to you last whispered and passionate advice, summarized in a single word-slogan, unequivocal: Trumputinlusconi.
Let's use them for the good of all, they, they three, do not wait any better!

Thank you!
Ranco, 04/05/2018


 

THE HUNDRED CITIES OF ITALY - THE THOUSAND CITIES OF EUROPE

THE SINGULAR homelands OF the EUROPEANS

Nicæa civitas fidelissima
(
Nice, Côte d'Azur, 344 460 inhabitants, one of the thousand, and more, cities of Europe taken at random as a symbol of all)

(DOCUMENT1860)

"Our cities are the ancient centre of all the communications of a large and populous province, all the roads lead there, the markets of the countryside are there, they are like the heart of the system of the veins, they are terms to which the expenditures direct, and from which the industries and capitals branch off, they are a point of intersection or rather a centre of gravity, which can not be dropped on another point taken at will.

Men gather there for different interests, because they find the courts, the intendancies, the commissions, the archives, the books of mortgages, the administrations; the middle point of their farms, the seat of their palaces, the place of their customs, and of their influence and consideration, the meeting of kinships, the most appropriate situation for the placement of their daughters, and the studies and employment of youth.

In short, they are a centre of action for an entire population of two hundred or three hundred thousand inhabitants.

This condition of our cities is the work of centuries and of very remote events, and its most ancient causes of every memory.

The dialect marks the indelible work of those primitive consortiums, and with the varied dialect, from province to province, not only the nature and the mood, but the culture, the capacity, the industry, and the whole order of the riches. This means that men can not easily be split up by those their natural centres. Those in Italy who ignore this love of Singular Homelands will always sow in the arena."

"For the Local Autonomies", of Carlo Cattaneo

 
Precedente Home Successiva

Top flying flags from: http://www.crossed-flag-pins.com/
Last updated: 19/11/2018




Da più di vent'anni mi dedico al progetto Europa delle sue Mille Città, "Bellissima Europa". E già pronto, basta copiare, con prototipo funzionate da otto secoli e un team di esperti che lo accompagnano da fare impallidire la miserabile politica attuale in tema Europa. Il più grande progetto che il mondo contempli da millenni. Spero vivamente che Beppe Sala (Obiettivo Futuro 15 novembre alle ore 17:26 · Beppe Sala a Saronno presenta il suo nuovo libro "Milano e il secolo delle città"), sia messo al corrente della mia proposta, che non solo ne parli ma che la lanci come progetto della Città di Milano alle Mille Consorelle d'Europa. Da ingegnere ho anche dimostrato come Assioma Matematico Logico, che andando avanti così andremo a sbattere senza fallo, è matematicamente impossibile che il sistema odierno funzioni!

A political-administrative system inherited from a caravanserai of input of history, which led to the scientific certainty of non-functioning of the system itself. Not to be believed, only gamblers who are deaf to logic and / or sordid in the soul can adapt and slip into this abyss, with all the shack, where we live all of us.

More details in http://www.losio.com/lolo.html
Faites circuler, s'il vous plaît!